Calcio Lecce 

Un tempo per piegare il Chievo: 4 a 2 spettacolare e secondo posto più vicino

I giallorossi segnano quattro gol nella prima frazione di gioco, poi nella ripresa si rilassano e rischiano in più occasioni: il Chievo sbaglia anche un rigore. Grazie alla sconfitta del Monza e al pareggio del Venezia secondo posto vicino

Il Lecce cala il poker. Settimo risultato utile consecutivo e altri quattro gol, questa volta in casa contro il Chievo Verona per restare tra le squadre di vertice del campionato. I giallorossi disputano un primo tempo superlativo, coronato dalle marcature di Maggio, Pettinari e doppio Coda che sale a 16 gol nel torneo. Il Chievo si vede solo nella ripresa, complice anche qualche cambio tra i giallorossi che toglie un po’ di equilibrio ad una formazione apparsa quasi perfetta per larghi tratti di gara.

Un successo che permette ai salentini di salire momentaneamente in terza posizione a quota 46 punti in classifica.

Il match - Avvio di gara determinato per il Lecce intenzionato a far suo il gioco sin dai primi minuti. Coda e Pettinari i riferimenti offensivi pronti ad essere innescati da Henderson apparso subito ispirato. La manovra giallorossa è fluida e costringe sulla difensiva il Chievo Verona.

Al minuto 8 il match si sblocca: Majer per Henderson a centrocampo, lancio sull’out destro per Pettinari che controlla e restituisce ad Henderson. Il centrocampista giallorosso di tacco trova l’inserimento in area di Maggio che prende la mira e di sinistro insacca in rete. Lecce in vantaggio meritatamente.

La formazione clivense accusa il colpo ma non molla. Il Lecce, in controllo del match, al 22’ si distrae. Sugli sviluppi d’angolo Meccariello si perde la marcatura di Obi e per il capitano ospite è facile colpire a rete per il pareggio.

Il match è vivo. La reazione salentina guidata in mediana da Hjulamand è immediata. Coda al 24’ è chiuso in angolo da Rigione. Sulla battuta la sfera giunge a Meccariello che rimette al centro per Coda che in diagonale di potenza supera Semper per il 2 a 1 Lecce. Il nuovo vantaggio galvanizza l’undici di mister Corini. Ospiti in affanno. Le geometrie del Lecce sono perfette e al 37’ Coda realizza il tris dopo una splendida incursione centrale di Hjulmand. 3 a 1 Lecce, che non si ferma, macina gioco e al 42’ cala il poker con il primo gol stagionale di Pettinari, puntale nel trasformare di testa in rete il cross dalla destra di Maggio.

La ripresa si apre col doppio cambio Nikolov-Zuta per Majer-Gallo nel Lecce e Palmiero al posto di Obi nei clivensi. I cambi non aiutano i giallorossi che al 52’ subiscono il ritorno ospite con il gol del 4 a 2 su punizione di Mogos. Gabriel nell’occasione non irreprensibile.

Il gol scuote il Chievo. La squadra salentina sbanda ancora e al 60’ arriva la chance per gli ospiti per riaprire il match con il penalty assegnato dal direttore di gara Aureliano per fallo di Gabriel su De Luca. Dal dischetto Leverbe calcia alto.

L’inerzia del match è capovolta, il Lecce lascia spazio alle offensive degli ospiti che non ne approfittano solo per la scarsa capacità realizzativa di De Luca.

Mister Corini prova quindi a registrare la squadra con l’inserimento di Mancosu per Henderson.

Nei minuti finali il Chievo di Aglietti attacca con insistenza, l’undici giallorosso si chiude ma sono tanti gli errori in disimpegno. Tre i minuti di recupero. Gli ospiti spingono per il forcing finale, il Lecce è attento, serra i ranghi e al triplice fischio conquista la gioia da tre punti.

Tabellino

LECCE – CHIEVO VERONA 4 a 2

LECCE: Gabriel, Maggio, Gallo (46’Zuta), Lucioni, Meccariello, Hjulmand, Bjiorkengren, Majer (46’Nikolov), Coda (83’Stepinski), Henderson (75’Mancosu), Pettinari. A disposizione: Bleve, Borbei, Pisacane, Dermaku, Zuta, Listkowski, Tachtsidis, Yalcin, Mancosu, Nikolov, Rodriguez. All. Corini

CHIEVO VERONA: Semper, Mogos, Rigione, Vaisanen (20’Leverbe), Renzetti, Viviani (74’ Bertagnoli), Obi (46’Palmiero), Canotto (74’Fabbro), Garritano, Di Gaudio (60’Ciciretti), De Luca. A disposizione: Seculin, Bertagnoli, Ciciretti, Cotali, Fabbro, Giaccherini, Leverbe, Margiotta, Palmiero, Pavlev, Zuelli. All. Aglietti.

ARBITRO: Aureliano di Bologna

MARCATORI: 8’ Maggio, 22’ Obi, 25’ e 37’ Coda, 42’Pettinari, 52’ Mogos

NOTE – ammoniti: Obi, Majer, Maggio, Meccariello, De Luca, Bertagnoli

Andrea Tafuro

 

Potrebbeinteressarti