Calcio Lecce 

Il Lecce riabbraccia Pantaleo Corvino: «Torno qui per dare il massimo»

Il ritorno dopo ben quindici anni dello storico volto di tanti successi. Accoglienza speciale per il decano dei direttori sportivi d’Italia: «Lecce, scelta di cuore»

Pantaleo Corvino riabbraccia Lecce. Dopo quindi anni il decano dei direttori sportivi d’Italia torna a vestire giallorosso e lo fa con il ruolo di direttore dell’area tecnica. La presentazione ufficiale questa mattina nella conferenza stampa organizzata dall’Unione sportiva Lecce all’interno del “Palazzo Banco di Napoli”. Presente tutta la dirigenza ad eccezione del socio Renè De Picciotto, proprietario della struttura, fuori per impegni di lavoro.

Ad aprire la conferenza stampa l’intervento del presidente Saverio Sticchi Damiani. “Apriamo un nuovo ciclo. Pantaleo Corvino direttore dell’area tecnica – ha affermato il massimo dirigente giallorosso - è un messaggio forte che abbiamo voluto lanciare sui programmi del club. Il nostro percorso ci ha permesso di vivere un quadriennio importante, ricco di successi, ma dopo la dolorosa retrocessione occorreva una scossa per ripartire più forti di prima”. Oculatezza e idee chiare anche sul futuro societario. “La scelta di Corvino – ha proseguito Sticchi Damiani - oltre a racchiudere una componente legata al cuore salentino, è finalizzata ad un progetto sportivo che possa rendere ancora più solida la società, garantendo equilibrio finanziario e patrimonializzazione del club. Il rapporto siglato della durata di tre anni servirà per mettere in pratica il progetto, con la consapevolezza che se ci sarà la possibilità di sognare la società si farà trovare pronta”.

Sulla stessa lunghezza d’onda sono seguiti gli interventi dei vicepresidenti Corrado Liguori e Alessandro Adamo.

Poi è stato il turno di Pantaleo Corvino, visibilmente emozionato per il suo ritorno in giallorosso. “Ho fatto sempre scelte di cuore e questa ne è la conferma. Torno a Lecce per dare il massimo, mi sveglio al mattino per non perdere mai ma non mi piace promettere, il mio auspicio al termine di questo nuovo ciclo è di lasciare il Lecce dove l’avevo lasciato prima di andar via”. Futuro che punterà anche alla valorizzazione del settore giovanile. “E’ una mia vocazione – ammette Corvino - la crescita del settore giovanile e la realizzazione di strutture di proprietà sono importanti nella crescita societaria”:

Infine spazio alle questione tecniche. “Direttore sportivo e allenatore devono confrontarsi per muoversi in simbiosi. Con mister Liverani ho già avuto un contatto esternandogli le mie valutazione positive. Nei prossimi giorni – sottolinea Corvino - ci incontreremo e ci guarderemo negli occhi per comprendere il futuro. Chi rimarrà a Lecce dovrà essere contento di farlo”. 

Andrea Tafuro 

Potrebbeinteressarti