Calcio Lecce 

Il Lecce crolla anche nell'ultimo match contro il Parma: è Serie B

Giallorossi in partita per pochi frangenti, poi sommersi dai gialloblu e puniti dai soliti errori difensivi, gli stessi che hanno propiziato il ritorno in Serie B

Il Lecce subisce l’ennesimo poker stagionale e non riesce a chiudere in bellezza, traguardo finale a parte, la stagione, capitolando per 3-4 con il Parma. I giallorossi sarebbero retrocessi comunque, vista la netta vittoria genoana a Marassi, ma non sono riusciti ad evitare i soliti errori che hanno caratterizzato la stagione. Alla fine è ko e, appunto, ritorno in Serie B.

Liverani sceglie ancora il 4-3-2-1, inserendo stavolta dal primo minuto, rispetto a Udine, Dell’Orco, Meccariello, Tachtsidis e Saponara. Classico 4-3-3 invece per D’Aversa, che punta sul tridente Kulusevski-Cornelius-Caprari. Il Lecce prova a spingere da subito, ma le occasioni di inizio match sono tutte per gli ospiti. Al 2' Caprari subito al tiro dal limite, tiro forte e Gabriel respinge. Quattro minuti e Darmian serve una bella palla a Kulusevski, che arriva a rimorchio e calcia alto di poco. Pericoloso il Lecce sul ribaltamento di fronte, ma i giallorossi non riescono a concretizzare con Barak: tiro debole tra le braccia di Sepe. All’11’ arriva il vantaggio parmigiano: forte tiro-cross di Hernani, palo e carambola su Lucioni, che mette alle spalle di Gabriel. Reazione Lecce pari a zero e Caprari al quarto d’ora sfiora il bis calciando al lato da due passi. Raddoppio che arriva comunque al 24', quando Caprari finalizza una perfetta ripartenza battendo Gabriel di destro. Reazione salentina solo dopo la mezz’ora con un tiro-cross di Lapadula stoppato da Sepe. Al 39' la riapre Barak di testa, con un colpo di testa ad appoggiare in rete il cross di Mancosu. Al 43' regalo della difesa ospite a Saponara che offre a Mancosu una palla facile facile che il capitano spedisce tra le braccia di Sepe. Il pareggio arriva comunque due minuti più tardi, quando Meccariello la insacca di testa. Nel recupero della prima frazione azione insistita dei salentini, diagonale di Falco al lato di nulla. Si va al riposo sul punteggio di parità.

Nella ripresa il Lecce parte a mille, ma fallisce sempre al momento dell’ultimo passaggio. A punirlo, al minuto 52', è Cornelius, che finalizza l’ennesima ripartenza emiliana appoggiando a porta vuota il tiro-cross di Barillà. Reazione Lecce affidata al solito Mancosu, che al 57' ha sul mancino la palla del pareggio, mandata clamorosamente al lato. Gol sbagliato gol subito, e al 66' il Parma cala il poker con il neo entrato Inglese, che appoggia facilmente in rete il cross dalla sinistra. I giallorossi si rifanno sotto dopo tre minuti, quando il cross di Donati trova la testa di Shakhov, il palo e dunque il tap-in vincente di Lapadula. Al 78' siluro da fuori di Saponara, pare centrale Vera. Nel finale il Lecce non ne ha più, ed il Parma controlla.

Fonte: Salentosport

Potrebbeinteressarti