Calcio Lecce 

Liverani ci crede: «Sarà una sfida bellissima, salvezza sarebbe mia più grande impresa»

Il commento del tecnico: «Non c'è tempo di preparare sul campo la sfida col Parma, lavoreremo molto con video e riunioni tecniche. Credo nelle favole e abbiamo dimostrato di avere un'anima»

Il calcio regala anche emozioni inaspettate. Ci ha creduto e ci crede ancora mister Fabio Liverani, a maggior ragione dopo la vittoria di Udine e il tracollo del Genoa col Sassuolo. Ci si gioca la salvezza domenica sera, in 90 minuti, ma non basterà battere il Parma. «Credo – dichiara il tecnico a Sky – che quando giochiamo partite del genere, dalla prima giornata a oggi, e ci presentiamo a Udine ancora in questo modo, tutto ciò dimostra che crediamo in quello che facciamo e che abbiamo qualcosa nell’anima. Credo al cuore e alle favole e credo che il calcio possa regalare cose inaspettate».

Sullo stato di forma dei suoi giocatori: «Mancosu e Lapadula non hanno mai giocato tre partite in una settimana, nemmeno all’oratorio. Babacar e Farias, i nostri acquisti più importanti, non li ho praticamente avuti mai, avranno giocato 8-10 partite vere in tutto l’anno. Nel post lockdown abbiamo perso Meccariello e anche Rossettini per la puntura di una zanzara. Credo che a nessuno delle neopromosse sia successo questo. Ma la salvezza di questa squadra sarebbe la mia più grande impresa».

Come si prepara la prossima e ultima gara? «Non possiamo prepararla sul campo, lavoriamo molto tra lavagna, video e riunioni tecniche e di questo ringrazio il mio staff che sta facendo un grande lavoro. Il campionato italiano oggi ha ripreso credibilità, siamo arrivati all’ultima giornata e ci sono ancora dei verdetti da emettere, scudetto a parte. A me piace così, ci si gioca tutto sul campo e nessuno regala nulla, come è giusto che sia. Sarà una sfida bellissima, tra noi e il Genoa, per gli appassionati di calcio».

Fonte: Salentosport.net 

 

Potrebbeinteressarti


Lecce: tutto in 90 minuti

La sfida che vale la serie A inizia oggi alle 20.45 ma molto dipenderà da quello che succederà in contemporanea a Genova