Calcio Lecce 

Il Lecce sbanca il “San Paolo”, Lapadula e Mancosu firmano il successo

I giallorossi con una partita determinata e volitiva prendono i tre punti. Inutile la reazione degli uomini di Gattuso che hanno provato a recuperare con Milik e Callejon. Superlativo Lecce al San ...

I giallorossi con una partita determinata e volitiva prendono i tre punti. Inutile la reazione degli uomini di Gattuso che hanno provato a recuperare con Milik e Callejon. Superlativo Lecce al San Paolo. La squadra di Liverani gioca una gara di grande spessore tecnico e con determinazione e cuore porta a casa tre punti fondamentali per la corsa salvezza. Bene ancora una volta Saponara, Falco e Barak, a sostegno di un Lapadula determinante, salito a quota 7 gol in campionato con la doppietta odierna. Calcio d’inizio affidato al Lecce schierato in campo da mister Liverani con gli stessi undici che hanno battuto il Torino una settimana fa. In avvio è il Napoli a far gioco dagli esterni, costringendo i salentini sulla difensiva. Al 10’ partenopei pericolosi con il colpo di testa di Milik terminato oltre la traversa. Il ritmo in campo è sostenuto, il Napoli attacca a pieno organico mentre il Lecce raccolto negli ultimi trenta metri, chiude e riparte in contropiede. La tattica salentina è vincente e al 29’ il Lecce passa in vantaggio: Saponara imbeccato da Barak sull’out mancino mette dentro per Falco che calcia di prima in porta, Ospina para ma non trattiene e Lapadula in agguato nell’area piccola è più lesto di tutti ad insaccare. Il gol infiamma il match. Il Napoli reagisce, Insigne al 35’ colpisce il palo sull’uscita di Vigorito, poi ci prova anche Politano ma Donati è provvidenziale nel chiudere in angolo, preservando così il vantaggio salentino. Nella ripresa Gattuso cambia inserendo Mertens per Lobokta, Liverani invece conferma gli stessi undici del primo tempo. Il cambio tattico partenopeo sorprende i giallorossi ripresi dopo appena tre minuti dal pareggio di Milik su azione corale imbastita da Mertens e Insigne. Dopo il pari la sfida è un susseguirsi di emozioni. Il Napoli si sbilancia in avanti, il Lecce ha la giusta cattiveria per ripartire. Falco è ispirato e al 60’ serve una precisa parabola per Lapadula che di testa supera Ospina per il nuovo vantaggio salentino. Il gol galvanizza il Lecce che poco dopo sfiora il tris con Barak. Gattuso a questo punto si gioca la carta Callejon, Liverani risponde con Petriccione e Mancosu. La partita a scacchi dalla panchina premia ancora i salentini che all’82 allungano sull’1 a 3 con il capolavoro balistico da oltre 30 metri di Mancosu. L’emozioni non terminano qui, Callejon al 89’ riaccende le speranze azzurre con la rovesciata che supera Vigorito per il 2 a 3. I cinque minuti di recupero sono un assedio Napoli ma il Lecce regge con grinta e sbanca meritatamente il San Paolo.   TABELLINO  Napoli: Ospina, Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui, Demme, Lobokta (46’ Mertens), Zielinski, Politano (61’ Callejon), Milik, Insigne (76’ Lozano). A disposizione: Meret, Karnezis, Hysaj, Luperto, Manolas, Allan, Ruiz, Lozano, Mertens, Callejon, Llorente. All. Gattuso Lecce: Vigorito, Rispoli, Donati, Rossettini, Lucioni, Majer (68’ Petriccione), Deiola (90’Paz), Barak, Saponara, Falco (75’ Mancosu), Lapadula. A disposizione: Chironi, Vera, Calderoni, Dell’Orco, Paz, Rimoli, Petriccione, Mancosu, Sava, Shakhov, Maselli, Monterisi. All. Liverani Arbitro: Giua di Olbia; assistenti Galetto – Rocca; IV uomo: Fourneau; VAR: Abisso – Del Giovane. Marcatori: 29’Lapadula, 48’ Milik, 60’ Lapadula, 82’ Mancosu, 89’ Callejon. Note – ammoniti: Koulibaly, Zielinski, Rispoli, Milik, Vigorito, Mario Rui, Petriccione, Demme   Andrea Tafuro

Potrebbeinteressarti