Calcio Lecce 

Un Lecce cuore, grinta e qualità, “mata” il Toro con un poker

Gara perfetta per tutti i giallorossi. Ottima anche l'intuizione di Liverani di schierare dall'inizio i nuovi arrivati, scelta confermata dalle prestazioni di spessore di Barak e Saponara. Buo...

Gara perfetta per tutti i giallorossi. Ottima anche l'intuizione di Liverani di schierare dall'inizio i nuovi arrivati, scelta confermata dalle prestazioni di spessore di Barak e Saponara. Buon avvio di gara del Lecce che prova a imporre da subito il proprio ritmo alla sfida con i nuovi acquisti Barak e Saponara. La replica del Torino è affidata alle ripartenze di Verdi e Belotti. L'approccio alla partita tra le due squadre è differente. I salentini più intraprendenti, giocano col giusto piglio e il 4312 riproposto da Liverani appare il modulo più congegnale alla squadra. Il gioco del Lecce è fluido, il Toro palesa difficoltà, e all'11 su schema d'angolo, Barak scarica dietro per l'accorrente Deiola che da limite dell'area, di potenza infila sotto il sette Sirigu per il vantaggio giallorosso. Il gol è una grande iniezione di fiducia per il Lecce che nel giro di 7' minuti, perfora nuovamente l'incerta difesa granata e raddoppia con Barak. Il Torino accusa il doppio colpo, Verdi infortunato lascia il posto al giovane Millico e Belotti braccato da Lucioni e Rossettini non punge. Al 32' salentini nuovamente pericolosi con Lapadula, fermato da un reattivo Sirigu. La squadra di Mazzarri ha un moto di orgoglio al 44 minuto, ma il gol sugli sviluppi di una punizione battuta da Belotti è annullato per offside di De Silvestri. Si chiude così la prima frazione di gioco con il Lecce meritatamente avanti per 2 a 0. Al rientro in campo nella ripresa è sempre il Lecce padrone del gioco. Petriccione rileva al 56' Deiola nei giallorossi, risponde Mazzarri con Edera per Dijdj. Il trend non cambia, il Lecce ha il pieno controllo del match e si rende pericoloso prima con Lucioni e poi Lapadula. Ma il gol è nell'aria e al 63' i salentini calano il tris con la prodezza balistica di Filippo Falco che col destro insacca sotto l'incrocio dei pali. Al 71' secondo cambio per Liverani: Saponara applaudito da tutto il pubblico presente allo stadio lascia il campo a Shakhov. Il Torino è alle corde, il Lecce invece è inesauribile e al 78' dilaga con il quarto gol di Lapadula su rigore. Nel finale c'è tempo per l'esordio tra i salentini di Paz e per un altro gol annullato per fuorigioco agli ospiti. Poi la festa in campo e sugli spalti del Via del Mare. LECCE – TORINO 4 a 0 Lecce: Vigorito, Rispoli, Donati, Lucioni, Rossettini, Deiola (56' Petriccione), Majer (82' Paz), Barak, Saponara (71' Shakhov), Falco, Lapadula. A disposizione: Chironi, Vera, Paz, Petriccione, Mancosu, Monterisi, Shakhov, Calderoni, Oltremarini, Dubickas, Maselli, Rimoli. All. Liverani Torino: Sigiru, De Silvestri, DjiDj (57' Edera), Nkoulou, Bremer, Aina, Rincon (69' Luanco), Meite, Verdi (23' Millico), Berenguer, Belotti. A disposizione: Ujkani, Rosati, Lyanco, Singo, Edera, Millico, Adopo. All. Mazzarri. Arbitro: Gianluca Rocchi di Firenze, assistenti: Mondin – Mastrodonato; IV uomo: Di Martino; VAR: Nasca – Cecconi Marcatori: 11' Deiola, 19' Barak, 63' Falco, 78' Lapadula (r) Note – spettatori: 21.947 - ammoniti: Nkoulou, Meite, Majer, Deiola, Bremer   Andrea Tafuro

Potrebbeinteressarti