Arte e archeologia Lecce 

Terminato il restauro della colonna di Sant'Oronzo, via allo smontaggio delle impalcature

Fra qualche giorno la colonna sarà mostrata alla città dopo l'intervento della ditta Colaci

Sono terminati i lavori di restauro conservativo della colonna di Piazza Sant’Oronzo. Lo smontaggio delle impalcature è cominciato questa mattina e sarà completato in pochi giorni, restituendo alla città la vista di uno dei beni monumentali caratterizzanti la piazza principale. Gli interventi di ripulitura, consolidamento e i trattamenti protettivi sono stati realizzati dalla ditta “Emilio Colaci impianti e restauri”.


“Confrontarsi con il deperimento e i conseguenti interventi di restauro dei beni monumentali è una fatica necessaria per tutte le città d’arte – dichiara il sindaco Carlo Salvemini – L’attesa, però, è sempre ben ripagata quando finalmente le coperture vengono rimosse, e la bellezza ritrova vigore. Ringrazio quanti hanno lavorato a questa impresa importante, presto daremo notizie anche sulla realizzazione della copia della statua di Sant’Oronzo, che sarà collocata sulla colonna”.


“È stato un restauro più lungo del previsto, che ha dovuto subire rallentamenti e intoppi, ma finalmente è completato, la colonna può tornare a caratterizzare la piazza in tutto il suo splendore, in attesa della collocazione di un copia della statua di Sant’Oronzo sulla sua sommità – dichiara l’assessore ai Lavori Pubblici Marco Nuzzaci – Dopo il vaglio di diverse soluzioni tecniche, siamo vicini alla definizione dell’accordo attraverso il quale commissioneremo i lavori di riproduzione, ai quali tutti potranno contribuire attraverso l’annunciata sottoscrizione degli stessi con Art Bonus. Il lavoro, dunque, prosegue”.  

Potrebbeinteressarti

Scavi sulle tracce della via Appia: iniziati i lavori

Prendono avvio dal 2 agosto le indagini archeologiche dirette in sinergia fra la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Brindisi e Lecce e la Soprintendenza Nazionale per il patrimonio subacqueo, nell’ambito del progetto del Ministero della Cultura denominato “Appia Regina Viarum” tra i territori di Brindisi e Taranto