Cronaca Lecce 

Processo Cedis, chiesti 1 anno e 4 mesi per Fitto

A sorpresa la Procura conferma le accuse nei confronti dell'ex Governatore di Puglia. Turbativa d'asta e interesse privato. Questa l’accusa che la Procura muove nei confronti di Raffaele Fit...

A sorpresa la Procura conferma le accuse nei confronti dell'ex Governatore di Puglia. Turbativa d'asta e interesse privato. Questa l’accusa che la Procura muove nei confronti di Raffaele Fitto, ex Governatore della Regione Puglia nonché curatore nella amministrazione straordinaria della società Cedis, che dopo alterne vicende fallì – nonostante i tanti interventi istituzionali  - lasciando senza impiego decine di lavoratori- Secondo la tesi accusatoria, lo stesso Fitto avrebbe aiutato Brizio Montinari nella trattativa di compravendita dei supermercati seguita al fallimento. Per far questo avrebbe nominato dei commissari conniventi, per far svendere la catena di market per un pugno di euro, ovvero per la metà del valore reale: 7 milioni anziché 15. Un anno e quattro mesi di reclusione è la condanna richiesta. Un fulmine a ciel sereno per l’ex Governatore, soprattutto a fronte di quanto avvenuto nel luglio scorso, quando il pubblico ministero Renato Nitti, chiese il proscioglimento per decorrenza dei termini e lo stesso Fitto, rinunciando al proscioglimento, chiese di essere processato, evidentemente sicuro di un esito a lui favorevole.  Nel procedimento sono coinvolti anche i due commissari straordinari della Cedis e il consulente contabile. Il 22 ottobre il probabile ultimo atto di questa lunga vicenda.

Potrebbeinteressarti