Cronaca Lecce 

Sfratto Giravolte rimandato, Salvemini "Raggiunti alcuni obiettivi"

I residenti delle abitazioni di via delle Giravolte guadagnano tempo per trovare una soluzione alla vicenda che li vede coinvolti. Questa mattina, nell'incontro che si è tenuto a Palazzo Carafa...

I residenti delle abitazioni di via delle Giravolte guadagnano tempo per trovare una soluzione alla vicenda che li vede coinvolti. Questa mattina, nell'incontro che si è tenuto a Palazzo Carafa, con il vice sindaco Carmen Tessitore, si è ottenuto un rinvio dello sfratto, che dovrebbe realizzarsi il 28 di questo mese. Carlo Salvemini, presente all'incontro, si ritiene soddisfatto per il raggiungimento di alcuni obiettivi. "Lunedì - ha dichiarato il consigliere di Lecce Bene Comune - non ci sarà nessuno sgombero: siamo riusciti ad ottenere un rinvio sino alla fine del mese e  l'impegno di tutti è quello di  lavorare perché tutti i migranti escano dalle abitazioni di Via delle Giravolte spontaneamente e senza costrizione delle forze dell'ordine. Da questo pomeriggio presso lo sportello di Lecceaccoglie si organizzeranno le varie dislocazioni provvisorie possibili per dare un tetto e un letto a tutti: presso la Casa Emmaus, le Suore di Carità, gli appartamenti dell'associazione Integra a Cavallino. Nel frattempo ci si adopererà in due direzioni: da un lato verificare se le Suore Benedettine intendono conservare la proprietà  di quegli appartamenti e la loro destinazione abitativa sociale, magari trasferendo gli  oneri di risanamento, recupero  e manutenzione in capo al Comune; dall'altro censire l'offerta di appartamenti in locazione a canoni accessibili e verificare le possibilità di poterli fare sottoscrivere ai migranti dichiaratasi interessati". "Questa la sintesi di questa mattinata. La sensazione di aver costruito una relazione fiduciaria tra tutti no - ha concluso Salvemini -, indispensabile per costruire qualcosa di positivo. La consapevolezza che se sin dall'inizio di questa vicenda si fosse fatto ricorso a sensibilità, responsabilità, buon senso, disponibilità non sarebbe stato necessario giungere a emettere ordinanze di sgombero".

Potrebbeinteressarti