Economia e lavoro Lecce 

Vertenza Fruendo, Mps reintegra 109 lavoratori nel Polo di Lecce

Entro marzo i dipendenti rientreranno in Mps e saranno temporaneamente distaccati in Fruendo. Miggiano (Fisac Cgil Lecce): “Ora tuteleremo anche i colleghi che rimarranno in Fruendo”. V...

Entro marzo i dipendenti rientreranno in Mps e saranno temporaneamente distaccati in Fruendo. Miggiano (Fisac Cgil Lecce): “Ora tuteleremo anche i colleghi che rimarranno in Fruendo”. Vittoria legale per le lavoratrici e i lavoratori passati da Monte dei Paschi di Siena a Fruendo. A poco più di sei anni dall’imponente operazione di esternalizzazione dei servizi di back office e dopo una lunga serie di verdetti favorevoli ai dipendenti, giunge l’agognato reintegro. Con l’informativa sindacale ai sensi dell’articolo 18 del Contratto collettivo nazionale sul reintegro dei lavoratori e delle lavoratrici di Fruendo srl, si chiude definitivamente una vicenda che ha visto la Fisac Cgil in prima linea nella battaglia contro le esternalizzazioni, anche su questo territorio. Entro marzo i dipendenti rientreranno in Mps e saranno temporaneamente distaccati in Fruendo (per 12 mesi). Ai sensi di tale informativa le risorse complessivamente reintegrate nei diversi poli sono 453: di queste ben 109 riguardano il polo di Lecce. L’informativa giunge in esecuzione delle sentenze di primo e secondo grado con le quali si è sancita l’illegittimità dell’operazione di cessione di ramo d’azienda del 30 dicembre 2013. “Dopo questo importantissimo risultato, l’impegno della Fisac Cgil di Lecce, unitamente alla Segreteria Nazionale Mps, rimane quello profuso fin dall’inizio di questa vicenda: continuare a lavorare affinché vengano individuate, nell’ambito della procedura prevista dall’articolo 18, garanzie occupazionali e normative per tutti i dipendenti di Fruendo, tutelando, allo stesso modo, sia i ricorrenti (per i quali è previsto il distacco temporaneo di 12 mesi), sia i colleghi che rimarranno in Fruendo”, dice Maurizio Miggiano, segretario generale della Fisac Cgil Lecce. “Il reintegro – afferma - è un segnale importante nel settore bancario e assicurativo. Va avviata una riflessione sulla cessione del ramo di azienda: in questo settore le attività sono troppo connesse tra loro. La materia va riportata nell’alveo della contrattazione sindacale, non solo legale, per individuare rami di azienda che abbiano consistenza di autonomia funzionale per tutelare i lavoratori che fanno parte di quel ramo”.  

Potrebbeinteressarti