Cronaca Lecce 

Ladri senza scrupoli: furto e devastazione nel laboratorio per disabili Div.ergo

I malviventi hanno rubato attrezzi agricoli utilizzati da bambini e giovani disabili per prendersi cura delle piante. Qualcuno nella notte ha forzato la finestra del Laboratorio Div.ergo Casetta ...

I malviventi hanno rubato attrezzi agricoli utilizzati da bambini e giovani disabili per prendersi cura delle piante. Qualcuno nella notte ha forzato la finestra del Laboratorio Div.ergo Casetta Lazzaro per rubare le attrezzature agricole usate dai ragazzi disabili per prendersi cura dell'orto.  "Oltre ai danni alla struttura e allo sconquasso al suo interno, c'è stato il furto di attrezzature utilizzate dai nostri giovani e dai volontari per la cura dell'orto, tra cui 3 decespugliatori, un soffiatore, 2 motoseghe, della pompa dell'acqua e di vario materiale necessario al progetto Essenze e ad utilità marginale- fanno sapere dall'associazione.  "Quello che è accaduto la notte scorsa a Casetta Lazzaro - dichiara il sindaco Carlo Salvemini -  rappresenta un danno per gli operatori del Laboratorio creativo Div.ergo, per gli utenti del Laboratorio - ragazze e ragazzi con disabilità intellettiva – e per le loro famiglie. Un fatto grave per l'intera collettività, perché ogni giorno, all'interno di Casetta Lazzaro, si svolgono numerosi progetti che favoriscono la socializzazione, la crescita personale e l'autonomia di giovani e adulti, oggi privati del materiale necessario a svolgere le proprie attività. Esprimo la mia piena solidarietà agli operatori e ai volontari con l'augurio che si faccia presto chiarezza sull'accaduto". "Il furto che ha subito la notte scorsa il Laboratorio creativo Div.ergo nella sua sede Casetta Lazzaro - dichiara l'assessora al Welfare, Silvia Miglietta - mi riempie di tristezza. Devastare la struttura e rubare le attrezzature che consentono alle ragazze e ai ragazzi con diversa abilità intellettiva di svolgere progetti importanti, come per esempio Utilità marginale, che li vede coinvolti in un progetto innovativo di agricoltura sociale, vuol dire impedire loro di continuare i percorsi di crescita individuale avviati due anni fa. A loro e ai volontari e alle volontarie la mia solidarietà e il mio sostegno personale e di amministratrice".    

Potrebbeinteressarti