Cronaca San Cesario 

La multa va contestata subito: accolto ricorso contro photored di San Cesario

Lo ha stabilito il giudice di pace che ha chiarito che non è sufficiente la corretta omologazione e taratura dell’apparecchio. A rischio annullamento migliaia di verbali. Non è ...

Lo ha stabilito il giudice di pace che ha chiarito che non è sufficiente la corretta omologazione e taratura dell’apparecchio. A rischio annullamento migliaia di verbali. Non è sufficiente che il photored sia omologato e tarato: perché il verbale sia attendibile occorre in ogni caso la contestazione immediata da parte degli agenti accertatori. È questo il principio con cui il Giudice di Pace di Lecce Maria I. Goffredo, accogliendo le tesi dell’avvocato. Alfredo Matranga, con sentenza pubblicata lo scorso 17 febbraio, ha annullato un verbale elevato attraverso il photored dalla Polizia Municipale di San Cesario. Per il giudice di pace, in particolare, non è sufficiente a garantire l’attendibilità dello strumento la dichiarata omologazione e taratura, in quanto occorre in ogni caso la contestazione immediata dell’agente accertatore, la sola a garantire l’attendibilità del rilevamento.  Si legge infatti nella sentenza: “Quanto alla idoneità tecnica, il dispositivo di rilevamento fotografico risulta essere omologato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. La comprovata conformità dell’apparecchio, non è tuttavia sufficiente a rendere incontestabile l’accertamento dell’infrazione nei casi in cui, come nella specie, il congegno non sia stato utilizzato secondo le prescrizioni contenute nel provvedimento di omologazione. Inosservanza che risulta di per sé sola, sufficiente a giustificare l’accoglimento del ricorso, in considerazione della non assoluta attendibilità dell’accertamento strumentale”. Ed ancora, ha proseguito il giudice di pace: “Il controllo del giudice dev’essere rigoroso ed esigente alla luce della natura del provvedimento impugnato da cui non si determina solo una sanzione pecuniaria ma nascono conseguenze di legge, peraltro non di poco conto, in considerazione dell’abbattimento dei punti, sospensione della patente e limitazione del diritto di circolazione dell’automobilista”.  Per il legale, dopo questa sentenza sono a rischio annullamento migliaia di verbali.

Potrebbeinteressarti