Scuola Lecce 

Premio “Tullio De Mauro”, quattro docenti salentini in finale

Nella rosa anche la dirigente dell’Istituto Comprensivo “Peppino Impastato” di Veglie Polo 1, Daniela Savoia. È terminato il lavoro della giuria e sono stati resi noti i no...

Nella rosa anche la dirigente dell’Istituto Comprensivo “Peppino Impastato” di Veglie Polo 1, Daniela Savoia. È terminato il lavoro della giuria e sono stati resi noti i nomi dei docenti e dei dirigenti scolastici finalisti al Premio speciale “Tullio De Mauro”, inserito nel contesto del Global Junior Challenge, promosso e condotto dalla Fondazione Mondo Digitale. La provincia di Lecce ha fatto incetta di nominations, insieme a Roma e Napoli è tra le più virtuose d’Italia. Due docenti insegnano a Lecce, uno a Galatone e uno a Veglie, quest’ultimo comune ospita anche la Dirigente in finale. Lara Ferrari, insegna presso l’Istituto Comprensivo di Veglie Polo 2 – Il progetto “Chimica e CLP… Agenti speciali” è nato con l'obiettivo di promuovere le discipline STEM (Science, Technology, Engineering, and Mathematics) nelle scuole di ogni ordine e grado, per diffondere in modo innovativo la conoscenza e la didattica della chimica di base in relazione alla qualità della vita e prendere consapevolezza dei rischi e dei pericoli che si incontrano in semplici gesti di vita quotidiana fuori e dentro la scuola. Antonia Martina, insegna presso la Direzione Didattica “S. Castromediano” 4° Circolo di Lecce – Il progetto “La fabbrica dell'armonia, Poesia Arti figurative Sviluppo Sostenibile” si colloca al crocevia tra un report di documentazione didattica e una guida alla progettazione, utile soprattutto a quegli insegnanti che, colmi di teorie e metodi pedagogici, si apprestano ad entrare in classe, là dove la complessità del fattore umano il più delle volte scompagina anni di studi accademici e di tassonomie. Daniele Manni, insegna presso l’Istituto “Galilei-Costa” di Lecce – Il percorso didattico “i-Startup - Digital e soft skills con l'imprenditorialità” offre la possibilità di acquisire alcune delle più importanti digital e soft skills richieste dal mercato del lavoro, tra cui il “problem solving”, il “team work”, ricerca e utilizzo di informazioni digitali utili, capacità decisionale, autostima e fiducia nelle proprie capacità, resilienza, gestione del fallimento, proattività, fiducia nel futuro. Giancarlo Pellegrino, insegna presso l’Istituto Comprensivo di Galatone Polo 2 – Il Progetto “Musica in… testa!” risponde all’esigenza di rendere la Scuola Primaria dell’Istituto Comprensivo Polo 2 sempre più accogliente ed inclusiva, visto che essa opera nella periferia della città, in un contesto sociale nel quale si concentra il maggior numero di famiglie con forte disagio socio-economico e culturale. Molti sono, infatti, gli alunni con bisogni educativi speciali ed in situazioni familiari difficili. Mentre la dirigente finalista è Daniela Savoia. Dirige l’Istituto Comprensivo “Peppino Impastato” di Veglie Polo 1 – Il progetto “Stregati dalla musica” in tre anni ha già coinvolto più di 50.000 bambini e ragazzi, tra i 3 e i 12 anni, che hanno scoperto l’importanza della tradizione belcantistica italiana, la bellezza dell’Opera, di conoscerne le storie e di saperne cantare le arie più celebri. Questo è avvenuto con “L’Elisir d’amore” e con “Il Barbiere di Siviglia” nel 2018 (oltreché con il progetto di debutto del metodo, “Tito – Il cantante piccoletto”, dedicato alla storia di Tito Schipa, nel 2017) e proseguirà quest'anno con La Traviata. La finale del Premio avrà luogo a Roma dall’11 al 13 dicembre. Il “Premio Tullio De Mauro” prevede un riconoscimento al docente innovatore che ha saputo coniugare nella propria offerta formativa un’educazione di qualità, equa e inclusiva, anche attraverso l’uso di tecnologie, strumenti e metodologie innovative. 

Potrebbeinteressarti