Politica Otranto 

Pontili a Otranto, nulla di fatto nel vertice a Roma: conto alla rovescia per smontaggio

Nessun esito particolare dall’incontro di ieri a Roma: assente il Ministro Franceschini. Corsa contro il tempo prima dello smontaggio. Si è concluso con un nulla di fatto dal vertice d...

Nessun esito particolare dall’incontro di ieri a Roma: assente il Ministro Franceschini. Corsa contro il tempo prima dello smontaggio. Si è concluso con un nulla di fatto dal vertice di ieri, a Roma, sul tema pontili galleggianti a Otranto: l’incontro, alla presenza dei tecnici del Ministero per i Beni culturali e a cui hanno preso parte la Regione Puglia, rappresentata da Loredana Capone, e il sindaco, Pierpaolo Cariddi, non ha sancito alcuna novità sensibile rispetto al previsto smontaggio delle strutture, come stabilito da una sentenza del Consiglio di Stato, con l’ultimatum di tredici giorni sancito dall’Avvocatura. In buona sostanza, i tecnici del Ministero, pur accogliendo l’appello di Regione e Comune, hanno suggerito la traslazione in altra area delle strutture, ma il sindaco Cariddi ha spiegato come la soluzione non sia tecnicamente praticabile. Inoltre, sulla proposta del Comune di Otranto di riconvertire i pontili in passerelle-passeggiate di tipo culturale, dalle quali ammirare le mura storiche della città, Franceschini, assieme ai suoi collaboratori, si è limitato a raccoglierla. Ora la questione tornerà ad essere discussa nella conferenza dei servizi del 19 novembre, con la necessità da parte di Regione e Comune di ottenere un risultato positivo, per sfruttare al limite il tempo che resta prima della scadenza stabilita per lo smontaggio delle strutture. 

Potrebbeinteressarti