Politica Società Lecce 

Beni monumentali totalmente accessibili: la giunta approva il progetto

Approvato ieri dalla giunta comunale di Lecce il progetto di inclusione che dovrebbe rendere totalmente accessibili alcuni beni monumentali della città. È stato approvato ieri in Giunta...

Approvato ieri dalla giunta comunale di Lecce il progetto di inclusione che dovrebbe rendere totalmente accessibili alcuni beni monumentali della città. È stato approvato ieri in Giunta comunale, a Lecce, il progetto definitivo nell’ambito di “Cross the Gap – Accessibility For Social and Cultural Inclusion”, progetto a valere sul Programma Interreg V/A Grecia-Italia 2014-2020 e sul fondo di rotazione nazionale, attraverso il quale si renderanno totalmente accessibili (ingresso ed aree interne, inclusi i servizi igienico-sanitari) i seguenti beni monumentali della città: Chiesa di Sant’Irene, ex Convento dei Teatini, Teatro Paisiello, ex Conservatorio di Sant’Anna, Sedile, Open Space di Palazzo Carafa. Il progetto, il cui obiettivo principale è quello di valorizzare le risorse culturali in chiave turistica migliorando l’accessibilità e la fruizione del patrimonio storico monumentale, prevedeva inizialmente di rendere accessibile l’Anfiteatro Romano. Al fine di valutare la fattibilità dell’intervento di accessibilità dell’Anfiteatro Romano candidato nella fase progettuale di CROSS THE GAP, nei mesi scorsi sono state avviate le necessarie procedure di verifica in accordo con il Polo Museale della Puglia e con la Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le Province di Brindisi, Lecce e Taranto che hanno in consegna il bene culturale e sono deputate a garantirne la tutela. A seguito di tali verifiche, il Polo Museale ha formalmente comunicato che l’intervento previsto per l’Anfiteatro non è perseguibile. Il Comune di Lecce, al fine di non compromettere il finanziamento, ha individuato in sostituzione dell’Anfiteatro Romano, un’azione di sistema nel centro storico cittadino che favorisca la valorizzazione in tema di accessibilità dei beni culturali aperti al pubblico. “Siamo orgogliosi - dichiara il vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici, Alessandro Delli Noci - di poter rendere accessibili dei beni monumentali particolarmente rilevanti che, finalmente, tutti i cittadini e tutti i turisti potranno visitare. Questo lavoro si aggiunge a quello che stiamo conducendo sul Peba - Piano per l’eliminazione delle Barriere Architettoniche, uno strumento importante per monitorare e superare le barriere architettoniche insistenti in città e uno strumento indispensabile per rendere Lecce la città di tutti. Voglio ringraziare Patrizia Guida, già assessora alle Politiche comunitarie nella passata amministrazione per essere riuscita ad intercettare ed ottenere un finanziamento così importante che avvantaggia l’intera comunità”. 

Potrebbeinteressarti