Cronaca Maglie 

Freddato con un colpo alla gola, si stringe il cerchio intorno all'assassino

È morto nel cuore della notte in ospedale, Mattia Capocelli: alla base dell'omicidio forse uno screzio con un coetaneo. Si stringe il cerchio intorno all'assassino: al vaglio le preziose immag...

È morto nel cuore della notte in ospedale, Mattia Capocelli: alla base dell'omicidio forse uno screzio con un coetaneo. Si stringe il cerchio intorno all'assassino: al vaglio le preziose immagini delle telecamere di videosorveglianza posizionate nella zona. Proseguono le indagini dei carabinieri per individuare il responsabile della morte di Mattia Capocelli, 28enne di Maglie, deceduto nella notte in un agguato. Freddato davanti al camioncino dei panini, in via Don Sturzo, vicino ad alcune scuole superiori: il 28enne, intorno alle 2, aveva comprato un panino dal fast food quando è scattato l’agguato. La vittima ha cominciato a fuggire ma i colpi lo hanno raggiunto quasi subito. Alla base dell'omicidio molto probabilmente uno screzio con un coetaneo. Ferito alla gola e in condizioni critiche è stato accompagnato in ospedale a Scorrano da un gruppo di persone. Nonostante i tentativi dei medici di rianimarlo, non c’è stato nulla da fare: il giovane è deceduto intorno alle 3.15. Sul posto i carabinieri di Maglie e la Scientifica che ha effettuato i rilievi. Indizi sono emersi dalle riprese delle telecamere di videosorveglianza posizionate sull'istituto "Cezzi De Castro" e sul camion del fast food.  Capocelli, in passato, era stato condannato a 8 mesi per aver aggredito un carabiniere ad un posto di blocco. A casa i militari avevano trovato anche della marijuana.

Potrebbeinteressarti