Arte e archeologia Specchia 

“La forma dell’acqua” e “Hyperbòrea”: a Specchia in mostra Russo e Leopizzi

Giovedì 27 agosto, dalle ore 18.30, inaugurazione delle mostre di Leandro Russo e Davide Leopizzi. Prosegue con due mostre la stagione espositiva a Donna Bianca. Giovedì 27 agosto, i...

Giovedì 27 agosto, dalle ore 18.30, inaugurazione delle mostre di Leandro Russo e Davide Leopizzi. Prosegue con due mostre la stagione espositiva a Donna Bianca. Giovedì 27 agosto, i visitatori potranno assistere all'esposizione de “La forma dell’acqua”, personale di Leandro Russo, artista siciliano che ora vive e lavora a Milano, e di “Hyperbòrea”, dell’artista salentino tornato a Specchia per raccontare attraverso foto, disegni, dipinti e installazioni il suo straordinario viaggio dal Capo di Leuca a Capo Nord in sella alla sua Vespa PX125 del 1982. Con “La forma dell'acqua”, a cura di Arianna Beretta, in poco più di 30 tele, sono riuniti i lavori degli ultimi due anni dell’artista siciliano Leandro Russo. Suddivisi in tre serie, le opere esposte si concentrano sul tema del paesaggio e della natura e sono tecnicamente un unicum. Leandro Russo infatti utilizza l’acqua come medium che “versa” direttamente sulle tele tenute sul tavolo in orizzontale. Attraverso un lavoro paziente e di assoluto controllo, l’artista muove la tela in modo da far scorrere l’acqua insieme al colore (ecoline) e creare così la figurazione finale. Il paesaggio diventa progressivamente una riflessione sul ruolo della natura e sui luoghi interiori. Scrive Arianna Beretta nel testo: Qui il paesaggio, ma ormai è più corretto parlare tout court di natura, si sfalda, si scioglie in macchie di colore che si liquefa sulla tela. Qui l’acqua prende finalmente la “sua” forma. Tecnicamente controllatissima, la pittura di Leandro Russo ci pone di fronte a cellule, a brani di terra, a sovrapposizioni di elementi primordiali. In questa serie ritroviamo il paesaggio naturale e quello più intimo della natura stessa, con un invito alla lettura che spinge l’osservatore su livelli differenti in un continuo andare e tornare a un ritmo naturale, quello del respiro. "Hyperbòrea" torna invece nel Salento a poco più di 4 mesi dalla prima tappa. Davide Leopizzi racconta ancora la sua avventura artistica su due ruote, che lo ha portato a percorrere migliaia di chilometri fendendo il vecchio continente dall’estremo sud all’estremo nord, affrontando peripezie, intemperie e qualche difficoltà ma soprattutto vivendo esperienze straordinarie, artistiche e umane. Dopo l’arrivo a Capo Nord, l’artista di Parabita ha fatto rotta verso la Lettonia dove, a Riga, si è concluso il suo viaggio e si è tenuta la prima di queste mostre-racconto, al Ka?epes Kult?ras Centrs. Altre tappe della mostra Hyperbòrea, successive a quella italiana di Specchia, sono previste a Oslo e Copenhagen. Hyperbòrea è un progetto di Davide Leopizzi supportato da: Fondazione Piaggio, Puglia Promozione, Ambasciata Lettone a Roma, Riga City Council, Ambasciata Italiana a Oslo, Accademia di Belle Arti della Lettonia, Forum Austriaco di Cultura di Roma, Provincia di Lecce. Ancora in mostra intanto le opere realizzate con materiali riciclati dall'artista Maurizio Buttazzo. A partire da materiali poveri, Buttazzo ha ridonato vita agli oggetti, diventati delle vere e proprie opere d'arte. Dopo un laboratorio pratico “Mobili Mobili”, adesso le opere realizzate sono disponibili alla vendita. Appuntamento a Donna Bianca, Palazzo Coluccia, via Matteotti 41, Specchia. Inaugurazione: giovedì 27 agosto 2015 h.18.30 In mostra: dal 27 agosto al 20 settembre. Orari: dal martedì alla domenica dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 18.30 alle 23.30 (chiuso il lunedì) Informazioni: tel: 327/3817220; email: donnabianca@outlook.it  

Potrebbeinteressarti