Scienza e tecnologia Nardò 

Buon compleanno pista di Nardò: 40 anni a tutto gas

La pista di Nardò, utilizzata come centro test per le auto, compie 40 anni: tra le più importanti in Europa, mette alla prova ogni anno centinaia di vetture. Un grande cerchio di asf...

La pista di Nardò, utilizzata come centro test per le auto, compie 40 anni: tra le più importanti in Europa, mette alla prova ogni anno centinaia di vetture. Un grande cerchio di asfalto circondato dagli ulivi, a due passi dal mare del Salento. La grande pista di Nardò, meglio conosciuta come pista Prototipo, compie 40 anni. Nata nel 1975, ha visto passare sul suo circuito le auto più innovative, diventando tra le protagoniste della sperimentazione in campo automobilistico. Lunga 12,6 chilometri, con un diametro di 4, nel tempo ha subito una serie di modifiche, per adattarsi alle sempre più esigenti richieste della ricerca. Passato sotto la gestione di Porsche nel 2012, si afferma tutt'ora come uno dei centri test più importanti in Europa. A celebrarne la storia è anche Repubblica motori, che alla pista del Sud Salento ha dedicato un'ampia pagina. Dalle colonne del quotidiano online, è la stessa Porsche a raccontarne genesi e sviluppi. “All’epoca (nel 1975, ndr) esisteva un anello con corsie per auto e camion e una pista dinamica per vetture” raccontano da Porsche su Repubblica “Sette anni dopo seguiva l’ampliamento con la pista dinamica per camion. Nel 1999, il centro prove viene acquisito dal gruppo italiano Prototipo che avvia un ampliamento di Nardò aggiungendo altri 5mila metri quadri di officine e uffici per andare incontro alle necessità dei clienti. Nel 2002 e nel 2008 seguono piste di prova per testare il comfort di guida e verificare la rumorosità e un percorso di handling che riproduce su una pista di 6,2 km le singole curve della Nordschleife del Nürburgring. Nel maggio 2012, Porsche Engineering Group assume la responsabilità per l’area di prova”. Valore aggiunto della pista, la sua collocazione geografica, che permette sia di eseguire i test in completa segretezza, sia di testare tutto l'anno, grazie al clima mite. Non è insolito difatti incrociare per strada vetture, completamente camuffate, dirette verso il circuito di prova. Prototipi, ancora da immettere sul mercato, in corso di collaudo. Tra le caratteristiche della pista, anche la percorribilità: il suo circuito la rende difatti perfetta per testare anche le velocità più elevate. “L’area di test e prova offre ai nostri clienti, sin d’ora, una gamma completa di servizi di sperimentazione” dichiara Malte Radmann, presidente del Cda di Porsche Engineering Group al giornalista di Repubblica “Ma questo non è tutto: per i prossimi anni abbiamo progetti ambiziosi di ampliamento e rinnovamento del centro, in modo da poter soddisfare anche gli standard di sviluppo futuri”.

Potrebbeinteressarti