Cronaca Politica Gallipoli 

Errico e 4 assessori indagati per abuso d’ufficio. E resta da risolvere la crisi amministrativa

Il sindaco di Gallipoli insieme a 4 assessori accusato dalla Procura di Lecce per presunto abuso d’ufficio in diversi episodi: Errico si dice sereno e convinto che si farà luce sulle vice...

Il sindaco di Gallipoli insieme a 4 assessori accusato dalla Procura di Lecce per presunto abuso d’ufficio in diversi episodi: Errico si dice sereno e convinto che si farà luce sulle vicende. Intanto sull’ipotesi allargamento maggioranza, il Pd frena: “Si rispetti il voto”. Non c’è pace a Gallipoli: dopo la crisi amministrativa che ha investito la giunta Errico, arriva anche la bufera giudiziaria a surriscaldare il clima politico già teso. È di ieri, infatti, la notizia della nuova inchiesta sul Comune, con il primo cittadino e 4 assessori (Antonella Greco, Antonio Piteo, Giovanni Fiore e Felice Stasi)indagati dalla Procura di Lecce per abuso d’ufficio. Le indagini si concentrerebbero sull’autorizzazione a fare musica data ad un lido senza necessari requisiti e regolari autorizzazioni, a seguito anche di una serie di esposti presentati nei mesi scorsi. Ma non ci sarebbe solo questo episodio: si contesterebbe infatti l'affidamento del parcheggio dello stadio "Bianco" alla società calcistica del Gallipoli per la stagione estiva, susseguente al campionato 2011/12 ed un incarico esterno affidato ad un avvocato dell'autorità di gestione del “Parco Regionale Isola di Sant'Andrea e litorale Punta Pizzo”. Errico smorza i toni rassicurando la cittadinanza e puntualizzando che, al di là dell’enfasi mediatica, “non c’è alcun avviso di garanzia per chissà mai quale reato”. Per il sindaco dimissionario si tratta solo della normale chiusura delle indagini della Procura, dopo circa due anni, motivo per il quale ribadisce di essere fiducioso sul fatto che si potrà fare chiarezza sulle vicende contestate. E intanto Mauro Maggio, responsabile provinciale del Pd per gli enti provinciali, sottolinea come la crisi amministrativa gallipolina, alla luce di quanto emerso in queste ore e soprattutto di una possibile nuova giunta, necessiti essere affrontata in sinergia con la segreteria salentina del partito: “La vittoria di Errico alle ultime elezioni – precisa - fu il frutto di un accordo del Pd con l’Udc ed altre forze che si riconobbero nel centrosinistra. Se quella alleanza, scelta dai cittadini e legittimata dal voto, dovesse venire meno, verrebbe meno anche la ragione della presenza del Pd”. “I tentativi sussurrati di azioni di allargamento a pezzi di centrodestra – aggiunge - rappresentano soltanto operazioni di chiaro stampo trasformistico, del tutto avulse alla nostra cultura ed alla nostra etica. Se si rompe l’alleanza che diede vita alla vittoria di Errico si deve tornare a votare ed il Pd è già al lavoro per una grandiosa opera di rinnovamento che inizierà subito dopo le elezioni regionali”.

Potrebbeinteressarti