Cronaca Giuggianello Muro Leccese Nociglia San Cassiano 

Picchia la moglie e tanta di soffocare il figlio minorenne. 43enne in manette

L'intervento dei carabinieri di Nociglia ha evitato che la lite in una famiglia di San Cassiano degenerasse. Ennesimo caso di violenza tra le mura domestiche. Questa volta a finire in manette &egra...

L'intervento dei carabinieri di Nociglia ha evitato che la lite in una famiglia di San Cassiano degenerasse. Ennesimo caso di violenza tra le mura domestiche. Questa volta a finire in manette è stato un operaio agricolo di 43anni di San Cassiano, G. M. per maltrattamenti continuati nei confronti della moglie e del figlio. L'arresto dell'uomo è scattato nella notte al culmine di una violenta lite sfociata nell'aggressione al figlio 17enne, afferrato per il collo e quasi soffocato. L’immediato intervento dei Carabinieri di Nociglia, allertati da una chiamata della moglie del 43enne, ha permesso di interrompere l’aggressione e di assicurare l’uomo alla giustizia. Il 43enne è stato arrestato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e, su disposizione del pm di turno, Paola Guglielmi, è stato associato alla Casa Circondariale di Borgo San Nicola in attesa dell’udienza di convalida. Nel pomeriggio di ieri, invece, i carabinieri della stazione di Muro Leccese hanno dato esecuzione al provvedimento di ripristino della misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di Ermir Bejko, 29enne di origini albanesi, già sottoposto agli arresti domiciliari a Giuggianello per reati inerenti il favoreggiamento e lo sfruttamento della prostituzione, commessi tra Milano e la Provincia di Lodi, tra il mese di maggio e il mese di giugno 2014.  Il provvedimento di inasprimento della misura è stato emesso dalla sezione Gip del Tribunale di Milano che ha esaminato le risultanze dei controlli effettuati dai Carabinieri di Muro Leccese, i quali hanno documentato la violazione delle prescrizioni imposte dalla misura cautelare domiciliare. L’uomo, dopo le formalità di rito è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Lecce a disposizione dell’Autorità Giudiziaria milanese.  

Potrebbeinteressarti