Economia e lavoro Lecce 

Mirko Moscaggiuri eletto nuovo segretario generale della Filcams Cgil Lecce

Il 41enne sindacalista prende il posto di Valentina Fragassi, eletta a sua volta segretaria confederale della Cgil Lecce: “Daremo continuità a quanto fatto in questi anni – annuncia...

Il 41enne sindacalista prende il posto di Valentina Fragassi, eletta a sua volta segretaria confederale della Cgil Lecce: “Daremo continuità a quanto fatto in questi anni – annuncia – lottando per migliorare le condizioni dei lavoratori”. Mirko Moscaggiuri è da oggi il nuovo Segretario generale della Filcams Cgil Lecce: 41 anni, da otto componente della segreteria provinciale della Filcams, Moscaggiuri è stato eletto nelle scorse ore dal comitato direttivo della categoria che tutela i diritti dei lavoratori del commercio, del turismo e dei servizi. Al suo fianco, nella segreteria provinciale, ci saranno Emanuele Sozzo e Daniela Campobasso, quest’ultima, già segretaria confederale della Cgil Lecce. Moscaggiuri prende il posto di Valentina Fragassi, che nelle scorse settimane è stata eletta segretaria confederale della Cgil Lecce. Moscaggiuri ha ringraziato chi lo ha preceduto: “Daremo continuità a quanto fatto in questi anni - ha dichiarato -, lottando per migliorare le condizioni di lavoro e di vita delle persone e di quanti vedono in noi l’ultimo baluardo per la riconquista dei diritti negati”. Il neoeletto segretario ha ricordato la difficile situazione in cui versano i lavoratori dei settori di interesse della Filcams nella provincia di Lecce: “Lavoratori della grande distribuzione piegati dai contraccolpi della contrazione dei consumi, in mobilità e in cassa integrazione; chiusura degli esercizi commerciali; società partecipate allo stremo per gli effetti della legge Delrio e per l’incapacità di gestirli da parte dell’amministrazione provinciale”. E poi ancora la situazione degli appalti: “L’articolo 7 del Jobs Act considera il passaggio dei lavoratori da un appalto all’altro come nuove assunzioni e quindi soggette al contratto a tutele crescenti senza far sapere a quali tutele fare riferimento. La Filcams ha denunciato questa ingiustizia attivandosi, a livello nazionale, per correggere l’iniquità normativa”. Un lungo riferimento anche sul turismo nel Salento: “Abbiamo chiesto e chiederemo tenacemente di attivare una sinergia istituzionale che faccia uscire il settore dalle secche dell’approssimazione”, ha dichiarato Moscaggiuri, “Continueremo a batterci per un’idea di industria del turismo strutturata con professionalità che qualificano l’offerta e con un tessuto lavorativo dentro le regole, laddove il principio di legalità, prima ancora che un’esigenza politica, diventi un assunto etico”. Alla riunione del direttivo erano presenti anche la segretaria generale della Filcams nazionale Maria Grazia Gabrielli, la segretaria generale della Filcams Puglia Mary Manocchio e il segretario generale Cgil Lecce Salvatore Arnesano.  

Potrebbeinteressarti