Sanità Lecce 

Vito Fazzi, il nuovo reparto di Endoscopia in attesa da due anni e i pazienti attendono accanto alle scope

La grave situazione è denunciata dal Centro per il diritto alla Salute e confermata dal primario Dell'Anna: "Anche la seconda ditta incaricata è fallita". Chirurgia endoscop...

La grave situazione è denunciata dal Centro per il diritto alla Salute e confermata dal primario Dell'Anna: "Anche la seconda ditta incaricata è fallita". Chirurgia endoscopica del “Vito Fazzi”, l’eccellenza professionale "sepolta" da oltre cinque anni di lavori mai terminati. La denuncia arriva dall’associazione Cds, Centro per il diritto alla Salute. In tutti questi anni il Cds non ha mai smesso di segnalare ai vari direttori generali la situazione insostenibile in cui opera Endoscopia: un’unità dove vengono effettuati 6mila esami all’anno, anche a pazienti provenienti da altre province. "Gli ambienti dell’ambulatorio – spiega Giorgio Fiorentini vice presidente del Cds – hanno uno spazio talmente insufficiente da non poter garantire ai pazienti quel minimo di privacy obbligatorio per questo tipo di interventi. Sono pazienti – aggiunge - reduci da giorni di digiuno e di lassativi, costretti ad attendere in uno stanzino adiacente alla saletta operatoria, dove è ubicato anche uno sgabuzzino riservato al materiale di pulizia, la cui porta d’ingresso è a poche decine di centimetri dalle sedie dei pazienti in attesa. E lo stesso personale del Reparto non dispone dei servizi igienici dedicati". Al Cds sono convinti che "tutto l’insieme dell’Unità di Endoscopia non sia conforme alle normative vigenti e che tutto ciò determini un grave stato di frustrazione, sia per i pazienti che per gli stessi operatori". "Da anni, alle nostre segnalazioni, ci viene risposto che presto verrà inaugurato il nuovo reparto, più confortevole e rispondente alle normative", dice il dottore Fiorentini, "Pare che questi locali siano terminati e che mancherebbero solo alcuni dettagli". "Purtroppo ci giriamo in queste difficoltà da oltre due anni" conferma il primario di Endoscopia Armando Dell’Anna, che aggiunge "dall’ufficio tecnico della Asl ho appreso che anche la seconda ditta, dopo la prima che era fallita, ha seguito la stessa sorte. Come si fa a continuare a lavorare in queste condizioni?". 

Potrebbeinteressarti