Cronaca Lecce 

Impronte e tracce di sangue, i carabinieri sulle tracce degli autori del furto di armi alla Forestale

Le analisi sul luogo del furto hanno consentito di isolare le impronte digitali dei ladri e alcune tracce di sangue dalle quali estrarre il Dna.  I Carabinieri delle Sezioni Investigazioni Sci...

Le analisi sul luogo del furto hanno consentito di isolare le impronte digitali dei ladri e alcune tracce di sangue dalle quali estrarre il Dna.  I Carabinieri delle Sezioni Investigazioni Scientifiche di Lecce e Bari, dopo un lavoro certosino e con l’impiego di mezzi e tecnologie di ultima generazione, sono riusciti ad individuare le impronte digitali lasciate dai ladri nella stazione del Corpo Forestale nella notte tra il 13 e il 14 luglio scorso. I malviventi dopo aver divelto la grata di una finestra riuscirono ad introdursi nel locale armeria e con l’utilizzo di una fiamma ossidrica aprirono la cassaforte, asportando, tra le altre cose, due pistole mitragliatrici. Le impronte sono state trovate sul luogo del colpo e anche all’interno del locale armeria. Gli accertamenti finora eseguiti, hanno stabilito che non appartengono agli agenti del Corpo Forestale e dunque sono idonee per le successive comparazioni. Un altro elemento che potrebbe rivelare l’identità degli autori è costituito dalla presenza di tracce di sangue, trovate dagli investigatori sulla scena del crimine dalle quali è possibile estrarre il Dna da raffrontare con quello dei sospettati. Le indagini vengono svolte dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Lecce sotto la direzione della locale  Procura della Repubblica e del Pubblico Ministero Massimiliano Carducci e proseguono serrate anche per recuperare le armi.

Potrebbeinteressarti