Cronaca Lecce 

Bonus idrico rifiutato per morosità del condominio, pronti i ricorsi

Molti cittadini leccesi si sono rivolti ad Anaci e ad alcune associazioni per la difesa dei consumatori  dopo aver ricevuto la lettera di diniego della Regione Puglia.  Bonus idrico non e...

Molti cittadini leccesi si sono rivolti ad Anaci e ad alcune associazioni per la difesa dei consumatori  dopo aver ricevuto la lettera di diniego della Regione Puglia.  Bonus idrico non erogabile per morosità del condominio. Brutta sorpresa per molti cittadini leccesi che avevano fatto richiesta di usufruire dei circa 13 milioni e 500mila euro messi a disposizione dalla Regione Puglia per aiutare le famiglie in difficoltà a pagare le bollette dell'acqua. In questi giorni sono state recapitate le lettere con la risposta negativa e in tanti ci vogliono vedere chiaro. Per questo si sono rivolti ad Anaci, associazione nazionale amministratori, e ad associazioni per la difesa dei consumatori. Il cavillo che sta facendo tornare indietro la quasi totalità delle domande è contenuto nel bando del bonus idrico che pone come condizione per accedere ai finanziamenti la regolarità nei pagamenti dell' “utenza” idrica. “Un controsenso” spiega il segretario provincia Anaci,  avvocato Carlo Mignone “visto che le domande sono nominali non si capisce perché debba essere presa in considerazione la morosità del condominio”. In più, aggiunge Mignone “nella delibera regionale si parlava di cittadino utente non genericamente di utenza, così come previsto per altre città, tra cui, ad esempio, Pisa”. I bonus idrici prevedono delle fasce differenziate in base al reddito: si passa da un minimo di 40 euro ad una cifra che può superare i 300 euro in due anni. Per ora le domande continuano a tornare indietro e si rischia, conclude l'avvocato Mignone, che i fondi rimangano tutti in Regione. Anaci chiederà un intervento da parte dell'Ente regionale, intanto molti cittadini sono pronti a presentare ricorso.  

Potrebbeinteressarti