Cronaca Lecce 

Cannabis terapeutica, il progetto di Lecce. Guido: "Una piantagione a Rauccio"

L'assessore alle Politiche Ambientali è per la coltivazione della cannabis sul territorio comunale: "Un aiuto a persone affette da malattie anche molto gravi. Per realizzare una piantagion...

L'assessore alle Politiche Ambientali è per la coltivazione della cannabis sul territorio comunale: "Un aiuto a persone affette da malattie anche molto gravi. Per realizzare una piantagione stiamo considerando anche il Parco di Rauccio". Il Comune di Lecce potrebbe presto ritagliarsi un ruolo da protagonista nella coltivazione di cannabis per uso terapeutico. A poco più di 24 ore dall'approvazione della legge regionale pugliese che permette di produrre cannabis da utilizzare in ambito farmaceutico, l'assessore alle Politiche Ambientali Andrea Guido rompe gli indugi. Il suo assessorato potrebbe avviare l'attività di coltivazione della cannabis terapeutica sul territorio di Lecce, creando le condizioni per diventare uno dei primi progetti italiani in questo ambito. Le necessità per avviare l'idea sono già al vaglio di Guido, che si dice convinto nel voler dare vita a questa iniziativa. "Sono disponibile - ha spiegato l'assessore all'Ambiente - ad affrontare questa tematica importantissima per la salute di tante persone. In questi ultimi tempi mi sono avvicinato ad associazioni e pazienti, che hanno battagliato per ottenere quella che da ieri è legge. Quello che ho detto loro è che vorrei trasformare queste buone intenzioni in realtà. Ho parlato con coloro che fanno uso di cannabis per necessità: sono stati gli stessi pazienti a descrivermi le sensazioni di sollievo e benessere; per questo ci credo fermamente. Sto considerando la possibilità di utilizzare uno dei tanti capannoni dismessi che ci sono nella zona industriale; con un investimento iniziale daremmo vita ad un progetto importante, uno dei primi in Italia. Tra le idee, c'è anche quella di chiedere alla Regione l'autorizzazione per realizzare una struttura adeguata all'interno del Parco di Rauccio. Ci sarebbe la possibilità di coltivare cannabis nella zona più urbanizzata del Parco, sfruttando così le qualità di quella zona. L'obiettivo è quello aiutare persone con gravi problemi di salute e mi sembra un motivo ottimo per seguire su questa strada". E l'opzione di Rauccio per dare vita ad una piantagione di canapa sembra ancor più conveniente ascoltando Fabio Lettere, uno dei tecnici agronomi che sta redigendo il piano del parco: "Le condizioni naturali, sia del terreno che del clima, all'interno di Rauccio sono ideali per coltivare una pianta con le esigenze della cannabis. Spero sinceramente che questo progetto vada avanti: mi pare un'idea intelligente, considerato il risparmio a livello sanitario. Questo territorio, proprio per le sue caratteristiche, potrebbe avere un ruolo importante a livello nazionale nella coltivazione della cannabis a scopi terapeutici". agab

Potrebbeinteressarti