Salento a tavola 

Polpette di melanzana, anche così la dieta mediterranea ha conquistato New York

Ben ritrovati! Mi sono concessa la breve pausa pasquale ma veramente, mai come in questo caso, il dovere mi ha chiamato insistentemente! Dopo le orecchiette sbarcate a Londra, grazie alla lezione ...

Ben ritrovati! Mi sono concessa la breve pausa pasquale ma veramente, mai come in questo caso, il dovere mi ha chiamato insistentemente! Dopo le orecchiette sbarcate a Londra, grazie alla lezione di cucina con la giornalista Anna Berrill, non potete credere cosa si sia scatenato, parlo di email, dopo l’articolo uscito sul New York Times, riguardo i prodotti e la cucina salentina, proprio nel giorno di Pasqua! Se non lo sapevate, vi prego di leggere l’articolo del giornalista Seth Sherwood, che ha partecipato ad una mia lezione di cucina nel luglio 2013. http://www.nytimes.com/2014/04/20/travel/in-lecce-making-magic-with-humble-ingredients.html?_r=2 In pratica ha citato tutte le scuole di cucina di Lecce, forse perché incuriosito dalla presenza di un cittadino americano che fa scuola di cucina salentina dal 2003, per gli americani. Io ho iniziato subito dopo, nel 2004, sono stata infatti la prima a cominciare a Lecce, con la scuola di cucina per italiani, poi ho iniziato anche con gli stranieri, diciamo che è stata una naturale conseguenza, fino alla collaborazione con i clienti di thinpuglia.com, grazie alla quale vado in trasferta nelle più belle ville e masserie del Salento. Di me non ha detto tanto, nonostante una bella intervista, ma con la segnalazione del nome e del sito, va bene lo stesso. Sono soddisfazioni anche queste! Come vi dicevo, tornando all’articolo, sono arrivate un bel po’ di richieste da parte di stranieri che evidentemente avevano letto, mirate proprio alla “cucina cosidetta povera” (un tempo!) e alla cucina vegetariana. E in quanto a verdure e ricette con, non ci può battere veramente nessuno. Finalmente si sono accorti che la nostra cucina è quella Mediterranea! Il gusto del tacco ha fatto centro! E allora ve ne passo una di quelle mie, che adoro le verdure in tutte le salse. Cominciano a spuntare le prime melanzane, e per non farle sempre in parmigiana, eccovi delle polpettine speciali: Spiedini di melanzane su pomodorini confit 3 melanzane, 1 spicchio di aglio piccolo tritato, 1 scalogno, 1 gambo di sedano, 125 di pane bianco fresco grattugiato, 1 cucchiai di pinoli, 1 cucchiaio di capperi, 1 uovo, 1 pizzico di origano, parmigiano, 1 cucchiaio di uvetta sultanina, pomodorini, olio evo, foglie di basilico, sale e pepe. Tagliare le melanzane a dadini e metterle in una coppa con acqua e poco sale. Tritare finemente lo scalogno, l’aglio, il sedano e la carota, e far appassire dolcemente in una padella con olio. Togliere dalla padella il soffritto e friggere le melanzane sgocciolate ed asciugate, a fuoco vivace. Ora aggiungere il pane grattugiato e il soffritto, salare e pepare, e cuocere ancora per 2-3 minuti; trasferire il tutto in una terrina. Tostare i pinoli prima di unirli al composto preparato in precedenza, unite anche  i capperi, l’origano, un cucchiaio pieno di parmigiano , l’uvetta fatta prima rinvenire in acqua tiepida, regolare di sale e pepe. Legare tutto con l’uovo, prima sbattuto, mescolando bene. Formare delle polpettine, infilzarle in piccoli spiedini di legno, tre per ognuno, posarle su carta forno e passarle in forno preriscaldato a 190° per 15/20 minuti circa. Servire le polpettine su un letto di pomodorini, prima  tagliati a metà, conditi con sale, pepe,origano o timo, zucchero di canna, cotti in forno a 90° per due ore circa. In alternativa serviteli su pomodorini semi secchi che trovate in commercio, guarnendo con foglie di basilico e un filo d’olio.   Alla prossima e seguitemi sempre su https://www.facebook.com/ilgustodeltaccoSalentoFlavors?ref=hl Anna Maria      

Potrebbeinteressarti