Teatro Lecce 

Da Koreja studenti in scena con una inedita Lolita di Nabokov

Con una versione ironica della Lolita, martedì 15 aprile debutta a Koreja la Compagnia del teatro di Ateneo dell'Università del Salento. "H.H. - La confessione di un vedovo di ...

Con una versione ironica della Lolita, martedì 15 aprile debutta a Koreja la Compagnia del teatro di Ateneo dell'Università del Salento. "H.H. - La confessione di un vedovo di razza bianca”: regia di Aldo Augieri. Con una versione inedita - in chiave ironica e grottesca - della classica Lolita di Nabokov, debutta domani, martedì 15 aprile, il primo spettacolo messo in scena dalla Compagnia Teatro di Ateneo dell'Università del Salento, composta da studenti e professionisti di cui Aldo Augieri è Direttore Artistico. Il lavoro, "H.H. - La confessione di un vedovo di razza bianca”, è una riscrittura del testo Lolita di Nabokov con una versione onirica e tribunalesca in cui vengono affrontate tematiche forti considerate spesso ostili e ripugnanti. Humbert Humbert, il colpevole, nell'opera è sotto processo e deve confessare la sua colpa, il brivido che ha provato e l'attrazione fulminante di cui è affetto nei confronti di Lolita, fanciulla molto più giovane di lui. La confessione è uno spartito suddiviso in momenti molto diversi tra loro all'interno dei quali i ricordi si mescolano a incubi, apparizioni deformanti e fantasmi sonori tradotti in voci fuori campo.Piani temporali differenti si incarnano sulla scena attraverso l'uso abile del corpo e della voce degli attori. La passione di Humbert Humbert rivolta a Lolita fanciulla in carne e ossa, non è altro che la traduzione letteraria della passione e del desiderio che il russo Nabokov provò quando, abbandonata la sua terra e lingua madre, fu costretto a scrivere in inglese, infiammandosi e abbandonandosi alla scoperta e al dialogo attraverso un nuovo codice linguistico. Questa passione giocosa, piena di doppi sensi, viene costantemente giudicata da un tribunale effettivo e mentale che prende corpo durante il monologo di Humbert. Il tribunale in realtà è il gioco della censura, del giudizio nei confronti di chi sperimenta la lingua, correndo il rischio di oltraggiarla. Di oltraggiare la scrittura e i propri desideri estremizzandoli a tal punto da provocare equivoci, come nel caso di Lolita. Lo stesso Humbert-Humbert vive un auto giudizio costante durante la confessione e il suo pensiero si sdoppia tra presente e passato, tra giudizio e giustificazione come d'altronde il suo stesso nome. Questo doppio prende in scena le sembianze di uno dei personaggi chiave, nell'aspetto del tutto simile a lui che assume la funzione di uno specchio, di un' ombra che lo segue e tormenta e nel cui riflesso egli è costretto costantemente a compiere un processo di autovalutazione che tesse durante l'intero corso della confessione. Finale a sorpresa. Regia Aldo Augieri Aiuto regia: Totò Del Popolo Con: Aldo Augieri, Vito Lettere, Federica Epifani, Anastasia Coppola Scenografia: Antonio Cazzato, Daniele Sciolti Oggetti di scena: cooperativa sociale "Fatti di Carta" Suoni e musica: Emanuele Augieri Trucchi e costumi: Bianca Sitzia Luci: Musiclub Start ore 20.45 Info: Teatro di Ateneo / Università del Salento: Tel. 327/3973263 Cantieri Teatrali Koreja: Tel. 0832/242000 www.teatrokoreja.it  

Potrebbeinteressarti

Sottovoce: un week end tra teatro e natura alle Cesine

Sabato 18 e domenica 19 luglio nella Masseria le Cesine il progetto Taotor di Astragali Teatro ospita Sottovoce, lo spettacolo della compagnia Terrammare Teatro. In mattinata spazio alle visite guidate nell'Oasi. Nel pomeriggio appuntamento con Il bosco nel bosco, un laboratorio esperienziale per bambini