Lizzanello 

Circolare anti-abusi, la risposta della preside: "Solo una precauzione, ma non si comunica solo col corpo"

Dopo la bufera sulla circolare che vieta agli insegnanti di sfiorare gli alunni, la dirigente di Lizzanello replica: "Non era la risposta ad alcun abuso, ma una precauzione. L'affettività ...

Dopo la bufera sulla circolare che vieta agli insegnanti di sfiorare gli alunni, la dirigente di Lizzanello replica: "Non era la risposta ad alcun abuso, ma una precauzione. L'affettività non si esprime solo col corpo". La preside dell'istituto scolastico di Lizzanello, finita nell'occhio del ciclone per la circolare in cui vietava "ogni contatto fisico" tra alunni e insegnanti, interviene per dire la sua sul caso, che ha già fatto il giro d'Italia. Anzitutto la dirigente ci tiene a chiaire che la sua circolare non scaturisce da alcun episodio di abuso, "La circolare emessa dalla scuola ha il solo scopo di tutelare lo stile educativo e la formazione scolastica degli alunni". La preside parla di lettura parziale del documento e specifica che "il personale scolastico, che ha condiviso la circolare, sa bene che non incorrerebbe in alcuna sanzione per avere accarezzato il capo di un alunno o dato una stretta di mano per comolimentarsi di un risultato". Il ruolo dell'educatore - insomma - che certamente è anche quello di curare la relazione affettiva, non deve esprimersi per forza con un contatto tra corpi, prosegue la dirigente.  Leggi anche: CIRCOLARE SHOCK DELLA PRESIDE: "VIETATO TOCCARE GLI ALUNNI"

Potrebbeinteressarti