Cronaca Calimera Cursi Maglie Melpignano Palmariggi San Cesario 

Alcol e droga sulle strade: denunce e segnalazioni dei carabinieri di Maglie

Droga e alcol nel week-end lungo di Ognissanti. Denunce e segnalazioni da parte dei carabinieri della Compagnia di Maglie. Controlli sulle strade per prevenire gli incidenti. I carabinieri della comp...

Droga e alcol nel week-end lungo di Ognissanti. Denunce e segnalazioni da parte dei carabinieri della Compagnia di Maglie. Controlli sulle strade per prevenire gli incidenti. I carabinieri della compagnia di Maglie, guidati dal tenente Luigi Scalingi, hanno effettuato controlli straordinari sul territorio di loro competenza, fermando e denunciando diverse persone. In particolare, un 26enne di Palmariggi, M.A., è stato trovato in possesso di 14 grammi di marijuana e denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, inoltre il giovane è stato segnalato al Prefetto per detenzione di una fiala di metadone che lo stesso ha dichiarato di detenere per uso personale. Sempre guai con la droga per una 23enne di Melpignano, B.P., che invece aveva addosso quasi due grammi di eroina e 1,6 grammi di marijuana: denunciata per spaccio. Altre otto persone, tutte tra i 17 e i 34 anni, sono state segnalate al prefetto come assuntori di droga perché trovate in possesso, complessivamente, di 2 grammi di eroina, 1 grammo di hascisc, mezzo grammo di cocaina, poco più di sei grammi di marijuana e una fiala di metadone. Per quanto riguarda la guida in stato di ebbrezza, le patenti ritirate in tutto il fine settimana sono state sei, mentre due persone sono state anche denunciate per guida in stato di ebbrezza. Si tratta di  M.C., 23enne di Bagnolo del Salento e M.A., 30enne di San Cesario di Lecce. Infine, T.S., 29enne di Calimera è stato denunciato per porto abusivo di oggetti atti ad offendere, poiché è stato trovato in possesso di un bastone di grosse dimensioni, mentre M.G., 28enne di Cursi, è stato denunciato per violazione dei sigilli, poiché, già nominato custode di terreni adibiti a cava per estrazione di pietra leccese, sottoposti a sequestro penale a marzo 2010, è stato sorpreso mentre spostava del materiale all’interno della cava, violando le prescrizioni imposte.

Potrebbeinteressarti