Sanità Lizzanello 

Appello dei gemelli Quarta a Papa Francesco: "Lasciateci morire dignitosamente"

Da tempo, ormai, i due gemelli Quarta di Merine, chiedono di morire. Questa volta, per bocca del padre, l’appello è stato inviato direttamente a Papa Francesco. «Chi ci ha privato ...

Da tempo, ormai, i due gemelli Quarta di Merine, chiedono di morire. Questa volta, per bocca del padre, l’appello è stato inviato direttamente a Papa Francesco. «Chi ci ha privato della nostra dignità di vita in nessun modo può toglierci la possibilità di morire dignitosamente. Vogliamo che vengano staccate tutte le macchine che ci tengono in vita, così da poter alleviare le nostre sofferenze e quelle dei nostri genitori». Diffondono un nuovo disperato appello e chiedono l'intervento di Papa Francesco i gemelli Sergio e Marco Quarta, di 34 anni, di Merine di Lizzanello, affetti dall'età di 4 anni dalla sindrome di Duchenne. Si tratta di una malattia che costringe i due fratelli a vivere a letto, tracheostomizzati e con la sola possibilità di comunicare con il puntatore ottico e avere contatti con il mondo esterno solo utilizzando i social network. la famiglia vive in gravi difficoltà: “Non abbiamo avuto notizie – racconta all’Ansa Antonio Quarta, papà dei gemelli - dell'assegno personalizzato che aspettiamo dal 2010. Marco e Sergio hanno bisogno di tutto e occorrono soldi: mi è arrivata una bolletta per il pagamento del metano di 2mila euro, il consumo è elevato proprio a causa delle necessità dei ragazzi (ambiente caldo, elettricità per i macchinari che li tengono in vita). Chi pagherà questa bolletta? Io non ho soldi». E se i figli chiedono di poter morire, dal padre arriva anche un altro appello, rivolto questa volta ai medici: “Noi chiediamo che uno dei tanti grandi esperti di questa terribile malattia possa venire a trovarci e aiutare me e mia moglie a rendere meno dolorosa la vita dei nostri ragazzi: lo so, chiediamo un miracolo. Chissà che questo miracolo possa farlo Papa Francesco”. 

Potrebbeinteressarti