Calcio Lecce 

Integrity tour a Lecce: il bilancio di Lega Pro contro le frodi sportive

E' arrivato a Lecce l'Integrity tour della Lega Pro: iniziativa per divulgare i numeri contro le frodi sportive. Tra gli interventi, anche quello del sindaco Paolo Perrone. Video L'Integrity tour d...

E' arrivato a Lecce l'Integrity tour della Lega Pro: iniziativa per divulgare i numeri contro le frodi sportive. Tra gli interventi, anche quello del sindaco Paolo Perrone. Video L'Integrity tour della Lega Pro è giunto nel capoluogo salentino. Si e' tenuta in mattinata, all'hotel Tiziano, la presentazione del bilancio sull'attività di prevenzione, formazione e informazione contro gli illeciti sportivi. Hanno preso parte all'incontro Paolo Perrone, sindaco di Lecce, Adolfo Starace, segretario US Lecce, Francesco Cirillo, vice direttore della Pubblica Sicurezza, Antonio Rizzo, vicepresidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, direttore della Lega Pro e le massime autorità cittadine. "Il lavoro svolto si è sviluppato anche con la proficua sinergia con Interpol, Fifa, Uefa, Uiss e Giss. In tre mesi di attività, l'Integrity tour, ha raggiunto 30 città e incontrato 30 club - ha dichiarato Antonio Rizzo, vicepresidente della Lega Pro - con oltre 3700 persone tra giocatori, dirigenti, tecnici, arbitri della Can Pro, presidenti, settori giovanili e scuole". "Siamo soddisfatti dell'attività svolta - ha fatto eco Francesco Ghirelli, direttore Lega Pro - anche se non dobbiamo fermarci e continuare con la stessa intensità e con la collaborazione dei club e delle Forze dell'Ordine". "La Lega Pro negli ultimi 2 anni ha aumentato il lavoro sul territorio - ha continuato Ghirelli - grazie anche al supporto dei suoi 69 club. Il non abbassare la guardia e l'azione di contrasto, ha portato ad oggi, a 1200 gare di Lega Pro monitorate da Sportradar e ad una sola segnalazione di anomalia". Il prefetto Cirillo ha ribadito la collaborazione fattiva con la Lega Pro: "Siamo sulla buona strada, che è quella che fu imboccata dal prefetto Manganelli. Insieme si raggiungono risultati importanti e dobbiamo continuare con la stessa determinazione e soprattutto puntare sulla prevenzione piuttosto che sulla repressione".

Potrebbeinteressarti