Società Lecce 

Festa della Liberazione, la storia torna in piazza

Celebrazioni del 25 aprile a Lecce. Al monumento dei Caduti, partigiani, Istituzioni e cittadini ricordano il giorno della Liberazione dal nazi-fascismo.  Tre generazioni si sono incontrate...

Celebrazioni del 25 aprile a Lecce. Al monumento dei Caduti, partigiani, Istituzioni e cittadini ricordano il giorno della Liberazione dal nazi-fascismo.  Tre generazioni si sono incontrate oggi alla celebrazione dei festeggiamenti del 25 aprile, anniversario della Liberazione dal nazifascismo. Al monumento dei caduti, di fronte a Porta San Biagio, a Lecce, i partigiani hanno portato ancora una volta il ricordo di quello straordinario momento storico che ha permesso a tutte le generazioni a venire di vivere in democrazia. Dopo una messa nella Chiesa di San Matteo, è stato il momento delle celebrazioni ufficiali. Le forze dell'ordine, in alta uniforme, hanno reso omaggio al ricordo dei partigiani caduti durante la guerra di Liberazione. Poi la deposizione di una corona di fiori al Monumento dei Caduti. Le autorità, il sindaco Paolo Perrone, il presidente della Provincia Antonio Gabellone, la Prefetto, Giuliana Perrotta, e il Presidente dell'Anpi provinciale, Maurizio Nocera, hanno ricordato il valore della Resistenza. È toccato a Maurizio Nocera, poi, ricordare il sacrificio dei tanti salentini impegnati durante le lotte contro il nazifascismo. Per quanto nell'immaginario collettivo i partigiani erano solo sulle montagne, pochi sanno che molti nostri conterranei hanno combattuto e sono caduti in nome dei principi di libertà e giustizia. Una memoria storica raccontata nel volume curato da Pati Luceri, di recente pubblicazione, 'Partigiani antifascisti e deportati di Lecce e Provincia'. A chiudere in musica ci ha pensato il coro del knos, che ha intonato 'Bella Ciao' accompagnato anche dalle grida festose di qualche bimbo presente.  (foto di copertina di Maurizio Buttazzo)                                                                                             Melissa Perrone

Potrebbeinteressarti