Cronaca Gallipoli 

'Galatea', nei guai ex sindaci Venneri e Merico

Stralcio dell'operazione antimafia Galatea: chiuse le indagini preliminari su un caso di abuso e rifiuto d'atti d'ufficio a carico di alcuni dirigenti del Comune di Gallipoli e Parabita. L'indagi...

Stralcio dell'operazione antimafia Galatea: chiuse le indagini preliminari su un caso di abuso e rifiuto d'atti d'ufficio a carico di alcuni dirigenti del Comune di Gallipoli e Parabita. L'indagine ha messo in luce le infiltrazioni dei clan sulle amministrazioni e negli appalti.  Concorso in rifiuto d'atti d'ufficio, abuso d'ufficio e distruzione aggravata di atti: questi i reati ipotizzati a carico dell'ex sindaco Giuseppe Venneri,  e di un ex dirigente del Comune di Gallipoli. I due, pure essendo a conoscenza dell'occupazione abusiva da parte della famiglia Padovano, appartenente alla Sacra Corona Unita, del teatro comunale 'Garibaldi' di Gallipoli, non avrebbero attivato i relativi atti amministrativi per provvedere allo sgombero.  L'inchiesta nasce da una costola dell'operazione Galatea, condotta dai Ros a carico del clan Padovano, operante a Gallipoli e nei paesi limitrofi, frangia della Sacra Corona Unita. L'operazione  oltre a fare luce su episodi di associazione mafiosa ed omicidi, accese infatti un faro sulle infiltrazioni mafiose nelle amministrazioni e negli appalti. Nell'inchiesta sono finite anche altre 7 persone legate Comune di Parabita, tra cui l'ex sindaco Adriano Merico e il dirigente Mirko Vitali. La famiglia del boss Padovano, fin dal 1972, aveva occupato parte del teatro comunale,  ricavandone un'abitazione. Solo nell'aprile 2012, il commissario prefettizio intraprese un'azione amministrativa finalizzata allo sgombero. L'operazione è tutt'ora in corso.  

Potrebbeinteressarti