Società Lecce 

Una casa per Ugo e Iolanda: ci pensa il Comune

Ad una svolta il caso dei due cittadini costretti a vivere per strada. Il comune di Lecce pagherà loro un alloggio. Il tanto atteso lieto fine è arrivato: Ugo e Iolanda, i due cittadini...

Ad una svolta il caso dei due cittadini costretti a vivere per strada. Il comune di Lecce pagherà loro un alloggio. Il tanto atteso lieto fine è arrivato: Ugo e Iolanda, i due cittadini leccesi rimasti senza casa, accampati da più di un mese in un Fiorino, riavranno un tetto sulla testa. Il regalo di Natale arriva dal Comune di Lecce, che dopo una serie di incontri, correlati dalle consuete polemiche, ha deciso di prendere il carico il caso e pagare di tasca propria un alloggio alla coppia di disagiati. La vicenda, che va avanti da più di un mese, nasce da un caso di sfratto. La particolarità dell’evento sta nel fatto che i due signori, lei cardiopatica, lui avanti con l’età, non hanno i mezzi per provvedere autonomamente ad un alloggio, per cui ‘risiedono’ in un vecchio Fiorino, circondati dalle poche masserizie di cui dispongono. Una vicenda di disagio, che ha acceso un faro sulla condizione di tanti concittadini meno fortunati, difficile da sbrogliare soprattutto perché la signora, pure assegnataria di un alloggio popolare, non poteva fruire del suo appartamento in quanto occupato da altri inquilini per ragioni tutt’ora in via di accertamento.  Le lungaggini del caso, incompatibili però con l’urgenza del caso, hanno alla fine spinto il Comune di Lecce a prendere il carico la vicenda, pagando di tasca propria una casa. L’annuncio, trionfale, arriva da Beniamino Piemontese, ‘paladino’ dei diritti violati dei due signori, che in questo tempo non ha mai smesso di occuparsi di loro: “Al Comune di Lecce si sono decisi: urge dare una mano ai cittadini leccesi che si trovano in estrema necessità, aiutare i Signori Ugo e Iolanda perché non ce la fanno più e perché hanno diritto a vivere”. Scrive Piemontese. “Ieri, (Lunedì per chi legge, n.d.r.) dopo un'intensa e movimentata giornata fatta di colloqui, incontri ed audizioni, è arrivata la decisione della Commissione Comunale ai Servizi Sociali di offrire a spese del Comune un'abitazione alla famiglia di questi cittadini bisognosi ed indigenti. Si approssima il Santo Natale, e sembra che potremo sentire davvero un'aria di festa sapendo che i Signori Ugo e Iolanda ed i loro familiari hanno un tetto in cui riunirsi di nuovo e raccogliersi per vivere”. m.p.    

Potrebbeinteressarti