Ambiente Lecce 

La “Ricicletta” simbolo della raccolta dell’alluminio: Legambiente premia Lecce

Il riconoscimento dei Comuni Ricicloni 2020 è condiviso a pari merito con Chieti e Isernia

Un premio per la raccolta dell’alluminio. Lo ha ricevuto il Comune di Lecce nell’ambito dell’edizione 2020 di Comuni Ricicloni organizzata da Legambiente, a pari merito con i Comuni di Chieti e Isernia. Ai tre sindaci delle città, CIAL e Legambiente hanno consegnato una Ricicletta, citybike simbolo del riciclo dell’alluminio perché realizzata con l’equivalente di 800 lattine per bevande riciclate. Le premiazioni si sono tenute oggi 22 ottobre 2020, in remoto, da Roma.

“Nel Comune di Lecce – si legge nella motivazione – le fasi di raccolta vengono effettuate attraverso un sistema misto porta a porta e stradale con il quale gli imballaggi in alluminio si differenziano insieme al vetro. Le operazioni sono gestite dalla società Monteco Srl, con la quale CIAL ha un rapporto più che consolidato che ha sempre portato, negli anni, ottimi risultati. Nel 2018-19, con il Comune di Lecce, il Consorzio ha attivato un esteso progetto didattico nelle scuole superiori finalizzato alla promozione della riduzione a monte dei rifiuti e alla raccolta differenziata, terminato con un evento in piazza che ha coinvolto centinaia di studenti: Gli Aludays”.

«Un riconoscimento importante – dichiara il sindaco di Lecce Carlo Salvemini – che va a tutti i cittadini e gli esercenti delle attività di somministrazione che effettuano correttamente la raccolta differenziata dell’alluminio. Essendo un materiale al cento per cento riciclabile, l’alluminio contribuisce ad un effettivo contributo alle politiche di riuso e riciclo che aiutano a non gravare con nuovi rifiuti sulla città e l’ambiente».

Potrebbeinteressarti


Giornata dell’albero: a Lecce si piantano 100 nuovi alberi

Domani 21 novembre è la giornata dell’albero. Alle 9.30 il sindaco Carlo Salvemini e l’assessore al Verde Rita Miglietta incontreranno presso la Parrocchia San Giovanni Battista il parroco Don Gerardo Ippolito al quale consegneranno i primi sei alberi di quercia del Giardino dei semplici