Altri Sport Monteroni 

20 anni di successi per il “Centro Accademico Danza” di Alessandra Semeraro

Negli anni la scuola è divenuta punto di riferimento per Danza Classica Accademica, Contemporanea, Modern-Afro

Festeggia i 20 anni di attività il “Centro Accademico Danza” della maestra e danzatrice professionista, Alessandra Semeraro.

Un importante traguardo contraddistinto da numerosi successi e traguardi artistici. Tra questi anche la creazione della compagnia “New ballet”, che da 18 anni è attiva sul territorio di Monteroni, dando vita a diversi spettacoli. Tra le ultime produzioni grande risalto ricevuto per “RICORDA-MI” dedicato ai malati di Alzheimer dove ognuna delle danzatrici interpretava uno degli Stati d'animo che provano i malati di Alzheimer con particolare attenzione al ricordo sulla pelle che loro hanno delle emozioni vissute, pur non ricordando a chi appartengano, e “UN’ANIMA SOLA.  LA BELLA E LA BESTIA”, versione in chiave moderna della famosa Fiaba. Prima serata inedita il 5 luglio nel Teatro Politeama Greco di Lecce. La replica avverrà nel mese di dicembre.

Il percorso artistico di Alessandra Semeraro parte da lontano. Nata nel 1978, inizia a studiare danza all’età di quattro anni. Negli anni intensifica gli studi in Danza Classica Accademica, Contemporanea, Modern-Afro seguendo Corsi di Studio e Stage con Maestri di fama Internazionale tra i quali: Matt Mattox, Carlos Palacios, Raduciuca’, Jean Gaudin, Joan Bosioc, Andree’ De La Roche, Raffaele Paganini, Mauromosconi, Steve La Chance, Silvia Humaila’, Maurizio Nardi (Martha Graham Dance Company), Tony Candeloro, Annamaria Prina, Carlo Farabone, Antonio Pio Fini. La danzatrice salentina apprende anche la tecnica afro-dance, seguendo il programma di studi dell’insegnante e coreografa afroamericana, Regi Duarte e la tecnica Modern Jazz da Cristopher Ugghins. “La Scuola festeggia il suo 20° anno di attività – dice soddisfatta Alessandra - e dopo aver superato un periodo difficile per via del Covid mi sento doppiamente fortunata nel festeggiarlo e guardare al futuro con rinnovato entusiasmo”.



Potrebbeinteressarti