Altri Sport Nardò 

Santa Caterina in kayak: due giorni di raduno nazionale

Iniziativa del Circolo Nautico La Lampara, di Ckcs - Canoa Kayak Club Salento e del Circolo Nautico La Vela, con il patrocinio di Regione Puglia e Comune di Nardò: appuntamento domenica 18 e lunedì 19 luglio

Il mare di Santa Caterina e del parco naturale di Porto Selvaggio sarà la cornice del Raduno nazionale Santa Caterina in kayak in programma domenica 18 e lunedì 19 luglio per iniziativa del Circolo Nautico La Lampara, di Ckcs - Canoa Kayak Club Salento e del Circolo Nautico La Vela, con il patrocinio di Regione Puglia e Comune di Nardò.

Saranno due giorni di escursioni e di esercitazioni di tecniche di navigazione che richiameranno nelle acque salentine dello Jonio gli appassionati di questa particolare disciplina, a cavallo fra sport ed escursionismo. Il programma del raduno prevede domenica 18 luglio l’arrivo di prima mattina a Santa Caterina con registrazione presso il Circolo nautico La Lampara, dove verrà offerta la colazione e si terrà un breve briefing.

Partenza prevista alle 10 dal porticciolo di Santa Caterina per un’escursione giornaliera di circa 7 miglia nelle acque del Parco naturale di Porto Selvaggio. Si andrà verso nord fino a raggiungere la zona di Serra Cicora per poi tornare indietro e fermarsi nella baia di Porto Selvaggio per una sosta con bagno e ristoro a cura dell’organizzazione. Rientro a Santa Caterina previsto intorno alle 17.30 con gelato al bar Al Porticciolo e spaghettata conviviale a cura del Circolo nautico La Vela.

Si torna in acqua lunedì 19 luglio con ritrovo alle 9.30 presso lo scalo di alaggio di Santa Caterina per un’esercitazione di tecniche di navigazione e salvataggio guidate da tecnici federali e una breve escursione che toccherà il mare di Santa Maria al Bagno, la Montagna Spaccata e la spiaggia delle Conchiglie con rientro alle 14 a Santa Caterina dove è previsto un aperitivo di saluto offerto dal Circolo nautico La Lampara.

“L’evento”, dice Mimmo Falco, presidente del Circolo nautico La Lampara, “conferma la vocazione della costa di Nardò per gli sport in mare aperto e può diventare un volano di sviluppo per il territorio”. “Questo raduno sarà una grande festa del mare”, afferma Piero Cantisani, presidente di Ckcs - Canoa Kayak Club Salento, “canoa e kayak sono sport ecologici in piena sintonia con l’ambiente marino che ben si sposano con un’area parco straordinaria come quella di Porto Selvaggio”. “Attraverso sport ecosostenibili come questo”, spiega da parte sua Roberto Vaglio, presidente del Circolo della Vela, “vogliamo lanciare un messaggio di tutela ambientale e degli ecosistemi marini, per la promozione di un modello di turismo ecosostenibile per vivere il territorio in tutte le sue peculiarità”.

La manifestazione si svolge sotto l’egida delle federazioni sportive nazionali Fict, Fick e Asc. La quota di iscrizione di 10 euro sarà interamente devoluta alla mensa della Caritas diocesana della Diocesi di Nardò-Gallipoli.

 

Potrebbeinteressarti