Vivere in camper: un'esperienza non per tutti

mercoledì 21 agosto 2019

Vivere in camper per una bella vacanza o anche per brevi periodi, per motivazioni personali, è una scelta sicuramente originale ma non così semplice e divertente come può sembrare; ovvero il divertimento c'è di sicuro, ma è una scelta che non va presa sottogamba, poiché comporta svariati vantaggi, ma anche svantaggi, scegliere di vivere in camper è una decisione che senza dubbio cambia la vita.

Vantaggi e svantaggi della vita in camper

Ma se ci sono molti “contro”, bisogna riconoscere che i “pro” sono forse in numero maggiore; la vita frenetica di oggi, i ritmi, le pesanti incombenze lavorative portano le persone a vivere poco la propria casa, molti si trovano nella propria abitazione giusto il tempo per dormire, senza nessuna prospettiva o aspettativa di svago, di cambiamento, o di novità. Scegliere di vivere in camper anche per brevi periodi significa azzerare in maniera sensibile alcuni costi, ma rinunciare a determinati aspetti, comodità e supporti offerti da una normale casa in muratura. 

Comperare un camper: ottimo anche l'usato

Potersi liberare finalmente dalla preoccupazione mensile di affitti, rate del mutuo, bollette, spese condominiali e quant'altro è sicuramente allettante ed è uno dei principali vantaggi da citare in merito alla decisione di acquistare un camper, nuovo o un camper usato non ha importanza, ma a questo vantaggio si aggrega purtroppo lo svantaggio di dover assoggettarsi a rumori più invasivi, a una mancanza parziale di intimità e sicurezza e tranquillità; ma senza dubbio la libertà e la possibilità di spostarsi e di svegliarsi ogni giorno in un posto differente ha il suo fascino.

Una grande avventura 

Ma bisogna anche fare i conti con le spese dei pagamenti delle aree di sosta, con la mancanza di elettricità e di acqua corrente, e l'impegno quotidiano nel reperire appunto aree di sosta e di servizio dedicate ai camper; in poche parole con questa decisione si intraprende una vita nomade, fatta di aspetti eccitanti, ma anche di scomodità e fatiche che non sono presenti in una vita normale.

Scegliere bene le zone di sosta

Decidere di passare un periodo della propria vita in camper significa sviluppare accorgimenti e strategie per vivere bene, ad esempio in merito all'acqua che è uno degli elementi più importanti; è bene cercare sempre aree di sosta dove è possibile avere subito acqua corrente e potabile; se si viaggia in camper nei mesi estivi è necessario cercare sempre zone d'ombra dove parcheggiare, al contrario nei mesi invernali bisogna dare la propria preferenza di sosta alle zone assolate, dove anche nei periodi freddi il sole fa la sua comparsa.

Una decisione importante

Un altro aspetto molto importante da tenere in grande considerazione è la gestione dello spazio; nel camper non si possono accumulare oggetti inutili, soprammobili, gadget, e quant'altro; lo spazio va utilizzato esclusivamente per quello che serve veramente alla sopravvivenza quotidiana. Quindi bisogna gestire lo spazio in modo oculato per riporre conservare e portare con sé cibo, abiti, medicinali, elettrodomestici di piccole dimensioni, prodotti per la pulizia, e per l'igiene personale. Ma la cosa che conta di più è soprattutto farsi un esame di coscienza sincero, per capire se si è veramente pronti a lasciare una casa normale per vivere in un camper poiché tra le due cose c'è un'enorme differenza; e non si può affrontare un'esperienza di questo genere alla leggera. 

Altri articoli di "Redazionali"
Redazionali
09/11/2019
Transavia, società low cost olandese inglobata in ...
Redazionali
06/11/2019
Dopo lo straordinario successo ottenuto con la sua raccolta ...
Redazionali
31/10/2019
Dopo il successo del primo locale a Leverano, ...
Redazionali
24/10/2019
Dal 21 ottobre al 4 novembre 2019 si potrà ...
La dieta sbagliata dei più piccoli accelera la calcolosi renale. “Troppa coca-cola, troppo calcio, ...
clicca qui