Serie B, Tar Lazio sospende annullamento dei playout: ora Foggia e Palermo sperano

giovedì 23 maggio 2019

Nuovo colpo di scena nell’intricata stagione della Serie B: sospesa in maniera cautelativa la delibera di annullamento dei playout.

Il Tribunale amministrativo nazionale di primo grado sospende, cautelativamente, la delibera di annullamento dei playout che ha fatto precipitare il Foggia direttamente in Serie C. Questo in attesa del giudizio del Collegio di Garanzia del Coni sul caso Palermo tribunale giudice sportivo disciplinare generica

Non finiscono i colpi di scena nel tribolatissimo campionato cadetto. Poco fa il Tar del Lazio ha sancito la sospensione in maniera cautelare della delibera della Lega di Serie B con cui si ufficializzava l’abolizione del playout salvezza che si sarebbe dovuto giocare tra Salernitana e Foggia. Questo in attesa del giudizio del Collegio di Garanzia del Coni sul caso Palermo che dovrà confermare, o meno, la retrocessione in Serie C del sodalizio rosanero oppure optare per una penalizzazione più o meno consistente.

In caso giudizio pro-retrocessione, poi, bisognerà capire quale sarà la linea del Collegio che dovrà specificare se il Palermo sarà retrocesso d’ufficio (con le altre tre retrocessioni, quindi, di Carpi, Padova ed eventualmente Foggia) o retrocessa come penalizzata, situazione che porterebbe alla disputa dei playout.

Il Collegio di Garanzia del Coni, che dovrebbe esprimersi il 28 maggio, sarà composto dal presidente Giuseppe Albenzio e dai componenti Marcello Molè, Pierpaolo Bagnasco, Barbara Agostinis e Giovanni Bruno.

Fonte: Salentosport.net 

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
29/01/2020
L’U.S. Lecce comunica di aver acquisito, a titolo temporaneo, il diritto alle ...
Calcio
28/01/2020
Il centrocampista dell’Udinese atteso nelle prossime ore nel capoluogo ...
Calcio
28/01/2020
In calo le quotazioni di Djidji e di Luperto, sembra ...
Calcio
27/01/2020
Seconda partita casalinga consentiva e seconda sconfitta di fila per l’Ascus Lecce ...
 Per sgomberare il campo dai dubbi, torniamo a parlare di coronavirus proveniente dalla Cina, anche perché ...
clicca qui