Il miglior miele d'agrumi al mondo? È pugliese e si chiama Beegold

mercoledì 22 maggio 2019
A vincere l'ambito premio è stata l'azienda agricola Garcarli di Acquaviva delle Fonti: "Alle mie api faccio girare la Puglia: per questo è speciale"

Una storia di passione per l'apicoltura e il territorio che si è tradotta in un riconoscimento internazionale. L'azienda agricola Garcarli di Acquaviva delle Fonti ha vinto la medaglia d'oro alla London international honey competition. La competizione internazionale ha decretato così che è pugliese, per la precisione del barese, il miele d'agrumi più buono al mondo. Si chiama Beegold e ha sbaragliato concorrenti di tutto rispetto, con prodotti provenienti dalla Nuova Zelanda, dalla Grecia, dalla Croazia, dalla Spagna e dal Canada. Una bella soddisfazione, soprattutto perché mai prima d'oro nessun pugliese era arrivato sul gradino più alto della competizione.

Racconta a Repubblica il titolare Giampaolo Gargano, che ha intrapreso l'avventura dell'apicoltura insieme al socio Antonio Limitone: "Abbiamo scelto di muoverci solo in Puglia, facciamo miele di ciliegio nella zona di Turi, quello di agrumi nei dintorni di Palagiano. A Laterza quello al trifoglio, l'eucalipto a Ginosa e il millefiori sul parco nazionale dell'Alta Murgia. Andiamo in giro per campagne per trovare posti incontaminati, e se ce ne piace uno entriamo in contatto con i proprietari per avere il permesso. La transumanza delle api è una tecnica antica” continua Gargano “prima ci si muoveva con asinelli e carri. Ora invece ci sono i camion, anche perché ogni alveare, fatto di casse in legno, pesa circa 50 chilogrammi".

Attualmente Beegold ha 50 alveari, con una popolazione complessiva di circa 2 milioni di api, che riescono a produrre una decina di quintali di miele. Un risultato cui contribuisce anche un lavoro artigianale della stessa azienda, che confeziona e raccoglie il miele solo manualmente.

Il maltempo e la primavera 2019 che tarda ad arrivare hanno inflitto però un duro colpo alla produzione mellifera: "Quest'anno va malissimo, praticamente la primavera è stata azzerata. Quel poco miele che le api producono lo tengono per loro. L'Italia è invasa da miele estero, che non è brutto, ma qui si potrebbe fare di più e meglio. Solo che, di fronte al clima impazzito, noi apicoltori non possiamo neanche chiedere lo stato di calamità".

Altri articoli di "Enogastronomia"
Enogastronomia
06/09/2019
Appuntamento il 12 settembre, tradizione e innovazione si ...
Enogastronomia
05/09/2019
Tre serate all’insegna del buon cibo locale e della grande musica a Villa ...
Enogastronomia
29/08/2019
La sfida nell'ambito dell'evento "Sapori e note d'eccellenza" in programma a ...
Enogastronomia
24/08/2019
A Cursi dal 25 al 27 agosto tre giorni per celebrare uno dei piatti italiani più ...
Il Ministero della Sanità, nel 2001, ha istituito un’importante fonte di informazione sanitaria, ...
clicca qui