Sorpresi ad abbandonare rifiuti in città: sporcaccioni incastrati dalle fototrappole

giovedì 9 maggio 2019

Le immagini e le indagini fatte su alcuni indumenti usati hanno permesso di trovare i responsabili.

A Taviano, nelle scorse settimane si era registrato un cumulo di rifiuti nei pressi dei cassonetti degli indumenti usati. Da indagini fatte proprio su questo materiale, dal ritrovamento di effetti personali, è stato possibile risalire ai responsabili di tale abbandono, e sono stati pertanto segnalati alle forze dell'ordine.

A ciò si aggiunge anche la presenza di fototrappole disseminate per tutto il territorio, anche fuori dal centro abitato e nella marina, che stanno permettendo di individuare e sanzionare gli incivili che si macchiano di tali atti, soprattutto ora che l'amministrazione ha provveduto alla bonifica di diversi siti che in passato venivano usati come discariche.

"Tolleranza zero per gli incivili, per chi deturpa il nostro territorio con tali azioni criminose che peraltro sono indice di scarsa sensibilità alle tematiche ambientali e di mancanza di rispetto verso la collettività" esulta il sindaco Giuseppe Tanisi, che preannuncia anche ulteriori indagini e sanzioni nei confronti di chi inquina.

"Abbiamo fatto della tutela ambientale una delle nostre priorità - è il commento della Consigliera delegata all' ambiente Barbara D'Argento - e quella della vigilanza rientra tra modalità con cui intendiamo preservarlo e garantire un ambiente salubre e pulito ai nostri concittadini".

 

Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
22/01/2020
Immediato l'intervento della Guardia Costiera che è riuscita a risalire alla fonte ...
Ambiente
21/01/2020
Nei guai un uomo di Supersano, sorpreso a bruciare ...
Ambiente
17/01/2020
Dopo l'esperienza positiva del plogging nel quartiere Stadio, che ha coinvolto circa 100 ...
Ambiente
17/01/2020
Dalla magia dell’abbraccio tra l’olio extravergine d’oliva del Salento ...
Continuano a riscuotere successo le nuove ricerche per la cura del cancro: oggi sta facendo parlare moltissimo la ...
clicca qui