Trasporta pesce in auto per venderlo nel centro storico: fermato inveisce contro gli agenti

mercoledì 24 aprile 2019

Finisce nei guai un anziano, venditore ambulante abusivo di prodotto ittico: sequestrato il pesce. L’anziano ha poi aggredito la polizia municipale, venendo denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale.

Vendeva pesce esposto in auto, attraversando il centro storico: finisce nei guai un anziano venditore ambulante, sorpreso dagli agenti della Polizia municipale e denunciato per minacce ed oltraggio a pubblico ufficiale. L’uomo, 73enne, in trasferta da Gallipoli, è stato trovato a vendere prodotti ittici di varie specie, tra le vie del centro storico.

Il venditore ambulante abusivo, infatti, non è sfuggito alla pattuglia della Polizia Locale di servizio in bicicletta, che lo ha fermato a bordo di una Fiat Multipla attrezzata a pescheria di fortuna. Nell'abitacolo, anche una bilancia ed alcune vaschette in polistirolo contenenti pesce e ghiaccio, che sversavano l'acqua di scolo sulla sede stradale attraverso un tubo posto sul retro.

Dalle verifiche, l'attività è risultata del tutto priva di autorizzazione commerciale ed il pesce, sottoposto a sequestro amministrativo, privo di documentazione relativa a provenienza e tracciabilità e dei requisiti sulla sicurezza alimentare, motivo per cui è stato destinato alla distruzione, su disposizione dei funzionari dell'ufficio veterinario dell'Asl di Lecce.

Ma l'epilogo, non gradito, ha scatenato una reazione scomposta da parte dell'anziano, che ha assunto un atteggiamento minaccioso nei confronti degli agenti accertatori, che gli è costato una denuncia per oltraggio a pubblico ufficiale.

 

Altri articoli di "Lecce"
Lecce
29/01/2020
Approvato il piano per la rigenerazione del Salento in ...
Lecce
29/01/2020
L'episodio a Lecce lo scorso 21 gennaio. I giovani, fermati dagli agenti di polizia, ...
Lecce
29/01/2020
Soddisfazione dell’assessore allo sviluppo ...
Lecce
29/01/2020
L’intervento da parte dell’Ispra è stato compiuto presso ...
 Per sgomberare il campo dai dubbi, torniamo a parlare di coronavirus proveniente dalla Cina, anche perché ...
clicca qui