Blitz antidroga a Lecce, Casarano e Matino: quattro arresti

giovedì 10 gennaio 2019
In manette una coppia di Matino e due pusher di Lecce e Casarano.  

Tre controlli domiciliari a contrasto dello spaccio di stupefacenti hanno portato a quattro arresti e al sequestro di dosi di cocaina, marijuana e hashish. Le operazioni dei carabinieri sono state portate a termine nelle scorse ore a Matino, Casarano e Lecce.
Nel primo caso a finire in manette è stata una coppia:, Giovanni De Vito di 32 anni e Iolanda Stoppello di 25. I militari del Norm della Compagnia di Casarano hanno trovato in casa dei due un involucro con 5,2 grammi di marijuana all’interno di un’asciugatrice; 0,4 grammi di hashish nascosti nel frigo e una busta con 11,5 grammi di cocaina nell'armadio della stanza da letto. Gli arrestati, dopo le formalità rito, sono stati confinati agli arresti domiciliari

A Casarano il personale della locale stazione ha arrestato in flagranza di reato Gerardo Sergi di 28 anni. Nel corso di una perquisizione personale e domiciliare sono stati ritrovati, occultati all’interno di un mobile della camera da letto 38 dosi per complessivi 12 grammi circa di cocaina e una dose di marijuana. La droga è stata sottoposta a sequestro e l’arrestato sottoposto agli arresti domiciliari.

A Lecce, i militari del Norm di Lecce hanno arrestato Mario Miccoli di 49 anni trovato in possesso di circa 15,6 grammi di cocaina suddivisa in dosi e della somma contante di 385 euro. Segnalata anche una 34enne alla quale Miccoli aveva ceduto poco prima un grammo di cocaina.  L'uomo è stato condotto in carcere.

Altri articoli di "Lecce"
Lecce
18/10/2019
Roberto Giordano Anguilla, capogruppo di Fratelli ...
Lecce
18/10/2019
Approvato ieri dalla giunta comunale di Lecce il progetto ...
Lecce
18/10/2019
Fischietto all'esordio in Serie A quello designato per ...
Lecce
18/10/2019
Il partito provinciale, riunitosi ieri sera in via Tasso, ...
Il piede torto congenito è una malformazione di ossa e articolazioni che colpisce uno o due neonati su mille: ...
clicca qui