“PetItFriend”, canili trasparenti e cani felici con la nuova start up

mercoledì 11 marzo 2015
Cinque creativi per gli amici a 4 zampe: nasce “PetITfriend”, la piattaforma per dare voce ai nostri amici a quattro zampe e prendersi cura di loro con le nuove tecnologie.

Tecnologia a servizio dell'amore per gli animali. È questo “PetITfriend”, la piattaforma informatica pensata da un gruppo di 5 giovani creativi per aiutare gli ospiti dei canili e dare una mano alle adozioni.

L'obiettivo è rendere i canili più “trasparenti” e gli animali più felici, con l’aiuto di tutti coloro che hanno a cuore la loro sorte. Uno strumento che può dunque essere utile contro le strutture lager, piene di povere creature abbandonate e maltrattate di cui neppure le amministrazioni preposte riescono spesso ad avere controllo, e a supporto di tutte le associazioni e i volontari che giorno per giorno si prodigano per dare una speranza di vita ai nostri amici a quattro zampe meno fortunati.

PetITfriend, la piattaforma web, facilita così l’operato di amministrazioni e volontari nella gestione dei canili, garantendo una maggiore trasparenza per gli utenti e migliorando le condizioni di vita degli amici a quattro zampe. Sarà dunque possibile vedere esattamente quanti cani ci sono nella struttura, quali sono le loro condizioni ed inoltre accedere alle adozioni, a distanza o meno, compilando direttamente i moduli pre affido eppure finanziando il mantenimento di un determinato cagnolino acquistando nel contempo dallo stesso portale anche tutto ciò che gli occorre.

Artefici della raccolta di fondi "pro canili più umani" – sembra un paradosso, ma è così – i giovani tecnologi sociali di beMINT, professionisti dell’innovazione nati grazie al progetto promosso dal MIUR (PON R&C 2007-2013) che ha dato vita a un Living Lab (PugliaSmartLab), ovvero uno spazio fisico e virtuale che coinvolge pubbliche amministrazioni, privati e cittadini nella co-creazione e realizzazione di un prodotto/servizio per il benessere del territorio: in questo caso uno strumento che, partendo dall’amore verso gli animali e dalla preoccupazione per il loro welfare anche e soprattutto quando questi versino in una condizione di restrizione come quella di un canile, possa garantire loro condizioni accettabili di esistenza e livelli sufficienti di benessere.

Per i finanziare il progetto, potenzialmente esportabiule in tutta Italia, i guiovani creativi hanno lanciato una campagna di crowdfunding su TIM #WCAP. Grazie al finanziamento sociale, tutti potranno contribuire all'iniziativa, partecipando concretamente al benessere degli animali. Chi volesse donare una piccola cifra, un piccolo contributo, lo potrà fare sul sito

http://crowdfunding.wcap.tim.it/projects/495/petitfriend. Con pochi click si potrà ridare voce e amore agli ospiti dei canili.

Il Team responsabile del progetto è costituito da Umberto Cataldo, economista del turismo, esperto in modelli integrati di sostenibilità economica, sociale e ambientale; Fabiana De Santis, ingegnere gestionale esperta in gestione dei processi aziendali; Rosaria Lovecchio, Phd in Economia Aziendale esperta in reti d’impresa e collaborazioni pubblico-privato; Tecla Romano, ingegnere gestionale competente in progettazione e sviluppo tecnologico e Francesco Simone, ingegnere informatico progettista di sistemi software e sistemi d’identificazione a radio frequenza.

Il progetto è stato presentato ieri in anteprima al sindaco Paolo Perrone e all'assessore Andrea Guido.

La presentazione ufficiale si terrà invece il 18 Marzo alle 10.30 all'Open Space di Palazzo Carafa.

Altri articoli di "Scienza e tecnologia"
Scienza e tecnolo..
23/08/2019
È stata presentata alla presenza del governatore di Puglia, Michele Emiliano, ...
Scienza e tecnolo..
23/05/2019
L’idea dell’officina creativa digitale Rubik , ...
Scienza e tecnolo..
22/05/2019
L'idea di un gruppo di studenti di Unisalento per combattere la dipendenza da ...
Scienza e tecnolo..
19/05/2019
Le amministrazioni avranno la possibilità di ...
Oggi abbiamo incontrato il professor Michele Vetrugno per affrontare il tema del distacco della retina. Alcune malattie ...
clicca qui