La storia dell’ultimo lupo di Puglia in scena ne “La grande foresta”

giovedì 13 settembre 2012
Domenica 16 settembre appuntamento presso il Centro Ambientale “Canali” con una rappresentazione teatrale rivolta ai più giovani 
 
La storia su come morì l’ultimo lupo di Puglia torna a far commuovere i bambini di ogni età nella rappresentazione teatrale della cooperativa Thalassia.
L’opera racconta una storia vera, attraverso gli occhi di un bambino che cresce in un mondo che ha perso la capacità di elevarsi ascoltando la bellezza del creato. Una grande verità si nasconde tra le pieghe della suggestiva opera, portata sul palco da Luigi D’Elia e di scena il 16 settembre alle 18.30 presso il centro ambientale “Canali” di Ortelle.
Anche il luogo che ospiterà lo spettacolo lancia un messaggio, giacché rappresenta il riscatto di un ex percolatore avvolto da rovi e rifiuti, tornato a rinascere come centro policulturale grazie al progetto del Parco naturale regionale Costa Otranto - Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase. 
In una vicenda densa di fascino, ricamata attraverso la figura del lupo, rispetto per l’ambiente e amore verso gli animali, si ricompongono al fine, attraverso il dialogo del bambino e suo nonno, nell’armonia incantata della natura. L’iniziativa gratuita, rientra nella stagione di “Parco in Festa” che da quest’anno comincia un percorso integrato nei Comuni del Parco, si rivolge soprattutto al pubblico delle famiglie e alle scuole consegnando il valore di un patrimonio importante da tramandare intatto alle generazioni.  
 
(fonte: Belpaese
Altri articoli di "Eventi"
Eventi
24/05/2019
Tre giorni di esposizioni di fiori, di arredamento e progettazione giardini ad ...
Eventi
19/05/2019
Appuntamento domani sera a partire dalle 21.30 presso i giardini William ...
Eventi
18/05/2019
E' partita già alla grande l'edizione 2019 di “Leverano in fiore”. ...
Eventi
16/05/2019
È stata ufficializzata la candidatura della città ionica per organizzare i ...
STC, in una sigla la patologia che affligge migliaia di lavoratori, soprattutto donne. Con l’ortopedico Stasi ...
clicca qui