D’Agata, Idv: “I terreni demaniali in concessione a cooperatve di lavoratori”

venerdì 17 agosto 2012
“No alla vendita. Per far ripartire l’agricoltura e l’allevamento si potrebbe darli ai lavoratori. Anche a braccianti immigrati, finora solo sfruttati dai caporali”.


Il Comune (e lo Stato) si sa, batte cassa; e lo fa mettendo in vendita i suoi beni. Proprio di questi giorni a Lecce l’annuncio dell’ennesima asta pubblica per vendere al miglior offerente immobili comunali. Gli ultimi, in ordine di tempo, sono gli stabili di piazza Napoli, attualmente sede delle poste, di una ricevitoria, dell’associazione islamica nonché di altre attività commerciali. Veri affari per chi – i pochi – in questo momento ha soldi da investire. Ma non solo perché, oltre agli immobili cittadini, in vendita vanno anche i terreni dello Stato. Sul tema interviene oggi Giovanni D’Agata, fondatore dello sportello dei diritti, Italia dei Valori, che invece sollecita l’amministrazione ad un uso più sociale dei beni: “Una delle ricette più comode degli ultimi governi per tentare di ripianare il deficit dello Stato è quella di dismettere i beni demaniali mettendoli all’asta, ossia al miglior offerente.  Chiaramente è una scelta politica che non dimostra un grande respiro o una portata eminentemente strategica, ma è un modo semplice per incassare sperando di ricevere un po’ di liquidità per le casse di un apparato burocratico in affanno per non dire (quasi) in default. E così nell’immenso calderone da dismettere del grande patrimonio immobiliare dello Stato e degli altri apparati finiscono oltreché edifici, e tra di essi alcuni di gran pregio, anche migliaia e migliaia di ettari di terreni che potrebbero essere destinati alla più banale delle finalità: quella di rilanciare l’agricoltura in un Paese in cui l’autosufficienza alimentare sta diventando un miraggio sempre più lontano. Ed allora,” continua, “se un governo vuole dimostrare di non essere in ostaggio delle lobbies e dei grandi speculatori immobiliari che sono i primi e pressoché gli unici soggetti a lanciarsi nell’acquisto del patrimonio demaniale in vendita, avendo le relative disponibilità economiche allora una ricetta di più ampio respiro strategico è quella di lanciare un piano nazionale di rilancio dell’agricoltura a partire dalla concessione, con le dovute regolamentazioni del caso, dei terreni agricoli di proprietà del demanio a cooperative di lavoratori che dimostrino l’intenzione di voler destinare le aree all’uopo concesse alla coltivazione dei prodotti della terra tradizionali o all’allevamento del bestiame. È da queste scelte che l’Italia può ripartire per rilanciare settori primari messi nel dimenticatoio negli ultimi trent’anni. Anche per una nuova è più equa ridistribuzione delle ricchezze e del patrimonio immobiliare dello Stato - altrimenti destinato a finire nelle mani di pochi, pochissimi speculatori  - e per rilanciare l’occupazione di centinaia di migliaia di nostri concittadini, favorendo anche l’integrazione e l’emersione dal nero degli immigrati irregolari, sino ad ora sfruttati da caporali senza scrupoli per coltivazioni intensive stagionali”.

Altri articoli di "Politica"
Politica
09/12/2019
L’ex governatore e ministro, oggi europarlamentare, ...
Politica
09/12/2019
I lavori saranno ultimati prima di marzo. Fra due mesi il ...
Politica
09/12/2019
Le Sardine salentine si ritroveranno a Lecce domenica 15 ...
Politica
09/12/2019
Il progetto, con il coinvolgimento di 34 Comuni del ...
Insieme al dottor Eugenio Romanello, dermatologo di grande esperienza per le malattie veneree, a Lecce va in pensione ...
clicca qui