Al Secondo Posto Il “Salento Aero Team” Dell’università Del Salento

venerdì 22 giugno 2012
Gli studenti hanno vinto grazie a dei progetti di aerei radio comandati.

Alcuni studenti dell’Ateneo leccese si sono piazzati al secondo posto nella competizione nazionale “DIAS CUP” con il “Flanker 01”, guadagnandosi importanti apprezzamenti e riconoscimenti della commissione di valutazione. Sono i ragazzi del “Salento Aero Team”: Alessandro Argese, Alessio Di Pasquale, Donato Fontanarosa, Luigi Giustizieri e Giordano Lombardi, studenti del corso di Laurea specialistica in Ingegneria aerospaziale dell’Università del Salento, che hanno partecipato a questa competizione organizzata dall’AIAN (Associazione Ingegneri Aeronautici/Aerospaziali ex-allievi della Facoltà di Ingegneria degli Studi di Napoli), dalla sezione di Napoli dell’AIDAA (Associazione Italiana di Aeronautica ed Astronautica), in collaborazione con l’ANUA (Associazione Nazionale Ufficiali Aeronautica) e con il Gruppo modellisti sportivi “Il Sagittario”.La gara, che si è svolta a Capua nei giorni scorsi, era aperta a studenti iscritti ai corsi di laurea specialistica in Ingegneria aerospaziale e astronautica o laurea magistrale in Ingegneria aerospaziale. Si trattava di progettare, costruire e far volare un aeromodello radio-comandato con specifiche caratteristiche tecniche: la struttura doveva essere realizzata con balsa e/o depron, l’apertura alare non doveva superare 1,5 m e il motore doveva essere a scoppio. Durante la fase progettuale, i ragazzi hanno avuto modo di applicare i concetti appresi durante i corsi universitari e la fase di costruzione ha dato loro la possibilità di verificare concretamente quanto imparato. Il personale docente era escluso dal partecipare alle varie fasi del progetto, ma gli studenti UniSalento hanno potuto contare sul sostegno “morale” del professor Gennaro Scarselli, docente di Costruzioni aerospaziali e Calcolo avanzato per strutture Aeronautiche. L’unico membro esterno ammesso, invece, era il pilota: gli studenti si sono avvalsi dell’esperienza pluriennale e delle competenze nell’ambito della meccanica di Agostino Leo. La commissione ha valutato le diverse fasi progettuali e di realizzazione, oltre che naturalmente le prove di volo. Queste ultime sono state un momento di grande tensione non solo per i partecipanti ma anche per gli spettatori, che speravano di vedere volteggiare questi complessi e delicati manufatti. Il “Flanker 01” non ha deluso: tre voli, il secondo posto nella competizione e apprezzamenti e riconoscimenti della commissione.

Altri articoli di "Cultura"
Cultura
12/12/2019
Venerdì 13 dicembre sarà un giorno speciale a ...
Cultura
06/12/2019
Appuntamento questa sera, alle 20.30: ad aggiudicarsi il premio la poetessa Antonella ...
Cultura
05/12/2019
 L’agenda artistico letteraria a cura di Flavia ...
Cultura
02/12/2019
La presentazione del lavoro di ricerca e creazione sulle ...
La ricerca continua a fare enormi passi in avanti per studiare diverse patologie come l’epilessia. La ...
clicca qui