Al Teatro comunale di Novoli "Il Misantropo" di Molière

sabato 8 febbraio 2020

Appuntamento domenica 9 febbraio - ore 21 con “Il Misantropo” di Factory Compagnia Transadriatica per la stagione del Teatro comunale di Novoli. Ingresso 10 euro (ridotto 8 euro).

Prosegue la stagione del Teatro Comunale di Novoli, in provincia di Lecce, promossa dalla Residenza teatrale "Passi comuni" di Factory Compagnia transadriatica e Principio Attivo Teatro con Comune di Novoli, Regione Puglia e Teatro Pubblico Pugliese. Domenica 9 febbraio (ore 21 - ingresso 10/8 euro) in scena "Il Misantropo" di Molière con adattamento di Francesco Niccolini per la regia di Tonio De Nitto, coprodotto da Factory Compagnia Transadriatica e Accademia Perduta Romagna Teatri. Molière era il mago del teatro comico e burlesco, ma avrebbe voluto essere un grande tragediografo: questa capolavoro fuori dal tempo è una storia così tragica da diventar ridicola. Il protagonista Alceste è un intransigente idealista, che pretende di comportarsi senza ipocrisie e senza piegarsi a compromessi, incapace di conciliare i propri principi etici con le consuetudini sociali.  Factory prosegue con "Il Misantropo" il particolare racconto degli ultimi intrapreso nelle precedenti creazioni - siano essi bisbetici, anatroccoli o misantropi appunto - e lo fa con una compagnia d’attori con cui in questi anni ha costruito un percorso con generosità, talento, rigore, utopie, disillusioni, portando i propri spettacoli in giro su palcoscenici e festival di tutta Italia. In scena Ippolito Chiarello (Alceste, amante di Célimène), Angela De Gaetano (Célimène, amante di Alceste), Franco Ferrante (Oronte, amante di Célimène), Sara Bevilacqua (Arsinoè, amica di Célimène), Luca Pastore (Filinto, amico di Alceste), Dario Cadei (Clitrandro, il marchese), Fabio Tinella (Acaste, il marchese) e Ilaria Carlucci (Eliante, cugina di Célimène).

Sino alla fine di maggio la stagione proporrà nuove proposte e attesi ritorni, nuova drammaturgia e confronti con i classici e con temi fondamentali del nostro presente e del nostro essere “umani”. Il Teatro comunale di Novoli è riconosciuto, inoltre, dal Mibact e dalla Regione Puglia come centro di Residenza teatrale TRAC assieme ai teatri di Manfredonia, Ruvo di Puglia e Taranto ed ospita nel corso della stagione diversi artisti e compagnie nazionali e internazionali impegnati in residenze artistiche. La Stagione proseguirà con Mozioni ed emozioni di e con Salvatore Cosentino affiancato al pianoforte da Carla Petrachi, che racconta in chiave ironica, con lo stile del teatro-canzone, i paradossi, le contraddizioni, i falsi miti del nostro vivere quotidiano (sabato 15 febbraio); l'anteprima regionale de Il Figlio che sarò, nuova produzione di Principio Attivo Teatro con Giuseppe Semeraro e Gianluigi Gherzi per la regia di Fabrizio Saccomanno, uno spettacolo sul tema dei padri, dell’assenza dei padri, della mancanza di contatto tra le generazioni (sabato 22 febbraio); Zigulì dal libro "Zigulì" di Massimiliano Verga con adattamento e regia di Francesco Lagi con Francesco Colella prodotto da Fondazione Sipario Toscana e Teatrodilina, un diario intimo che racconta un’esperienza estrema di paternità, il rapporto denso e accidentato fra un padre e un figlio disabile (sabato 7 marzo); Don Chisciotte - Tragicommedia dell'arte di e con Michele Mori e Marco Zoppello di Stivalaccio teatro e Teatro Stabile del Veneto, a partire dall'ultimo desiderio di due condannati a morte prendono il via le avventure di una delle coppie comiche più famose della storia della letteratura, filtrate dall'estro dei due saltimbanco che arrancano nel tentativo di procrastinare l'esecu-zione, tra mulini a vento ed eserciti di pecore (sabato 14 marzo); Schiaparelli life di Casa degli Alfieri e Teatro di Dioniso con Nunzia Antonino e Marco Grossi per la regia di Carlo Bruni che racconta la storia di Elsa Schiaparelli, fra le più grandi stiliste di tutti i tempi, che decise di concludere il proprio itinerario artistico e professionale, pubblicando un’autobiografia che già nel titolo ne riassume l’intensità "Shocking life" (sabato 28 marzo); Il corpo di Totò di e con Marco Manchisi realizzato in collaborazione con AMA - Accademia Mediterranea dell’attore, spettacolo su Totò e Antonio De Curtis, un corpo, due anime, il comico e l'uomo che lo muove (domenica 5 aprile); Aspettando il telegramma, uno spettacolo del Teatro dell'Elfo firmato e interpretato da Luca Toracca, che dopo il successo ottenuto nella scorsa stagione con "La patatina nello zucchero", porta in scena un altro testo di Alan Bennett, proseguendo il suo viaggio all’interno dell’animo umano (venerdì 24 aprile); Zeba Produzioni con Graces di e con Silvia Gribaudi, un progetto di performance ispirato alla scultura e al concetto di bellezza e natura che Antonio Canova realizzò tra il 1812 e il 1817 (sabato 2 maggio). Ultimo appuntamento sabato 16 maggio con Strangers in the world di Paolo De Falco, uno spettacolo magnetico e visionario frutto di contaminazioni non solo musicali, ma anche letterarie, pittoriche e cinematografiche.

Altri articoli di "Teatro"
Teatro
21/02/2020
Lo spettacolo “Le mie donne” con Paolo Briguglia, Serena Guida e Sade ...
Teatro
20/02/2020
Primo appuntamento, venerdì 21 febbraio, alle ore 21 per la Rassegna Teatrale ...
Teatro
17/02/2020
Una nuova produzione di Ergo Sum dedicata alle grandi donne del 900. Cosa hanno in ...
Teatro
16/02/2020
Due appuntamenti teatrali destinati alle famiglie nella giornata di oggi. (UNA)REGINA ...
Mascherine consigliate ai medici del pronto soccorso leccese anche nei casi asintomatici. Dubbi sulla trasmissione ...
clicca qui