Un Lecce inconsistente al Bentegodi: pesante 3 a 0 del Verona

domenica 26 gennaio 2020

Verona, stadio “Bentegodi” - Un Lecce irriconoscibile prende tre sberle dal Verona di Juric e subisce la sesta sconfitta nelle ultime 8 gare. 

La partita offre una partenza lanciata delle due squadre. Pochi tatticismi e tante chance soprattutto di marca veneta.

Il 352 dei giallorossi, privi di Farias, Calderoni, Petriccione e del neoacquisto Saponara, non è più una sorpresa dopo il pareggio contro l'Inter e il buon avvio con Lapadula viene ben presto disinnescato dagli scaligeri.

Il Verona è più intraprendente e si rende pericoloso al 12' con il diagonale di Verre terminato a lato. L'occasione dei locali è un chiaro campanello d'allarme per la retroguardia Lecce, che al 19' sbaglia marcature sull'angolo di Veloso e subisce gol sull'incornata di Dawidowicz.

La rete subìta complica i piani di Liverani, con la squadra che arranca a centrocampo, è costretto poco dopo a sostituire tra i pali l'infortunato Gabriel con Vigorito. Il Verona invece ha grande verve e ne approfitta ancora con Pessina che di testa finalizza al meglio l'assist di Lazovic per il due a zero.

Il doppio passivo maturato in appena 35 minuti di gioco convince il tecnico dei salentini a ritornare al 4312 con l'inserimento di Majer al posto di Lucioni.

Il nuovo assetto mostra finalmente un Lecce più attento, capace di rialzare la testa e pericoloso allo scadere di prima frazione con il tentativo dalla distanza di Majer che centra in pieno la traversa. Al riposo Hellas avanti 2 a 0.

La ripresa si apre su ritmi blandi ma il trend di gara non cambia. Il Verona controlla senza affanni e il Lecce pian piano si spegne, restando anche in 10 uomini al 68' per l'espulsione, per doppio giallo, rimediata da Dell'Orco. L'inferiorità numerica spinge Liverani al terzo cambio obbligato con Meccariello al posto di uno spento Babacar. Per Falco, richiesto a gran voce dai mille tifosi leccesi presenti sugli spalti del Bentegodi, la certezza di 90' minuti in panchina.

Il finale di gara è un monologo veneto. Il Lecce, privo di idee, è costretto a subire le avanzate del Verona e al minuto 87' incassa il definitivo 3 a 0 con il penalty realizzato da Pazzini, per fallo di Vigorito su Amrabat.

Andrea Tafuro

***********************************

H.VERONA – LECCE 3 a 0


H.Verona (3-4-2-1): Silvestri, Rahamani, Kumbulla, Dawidowicz, Faraoni, M.Veloso, Lazovic, Amrabat (88' Babu), Verre (3'st Borini), Pessina, Di Carmine (72' Pazzini). A disposizione: Berardi, Radunovic, Adjapong, Bocchetti, Gunter, Empereur, Vitale, Jocic, Badu, Borini, Pazzini, Stepinski. All. Juric

Lecce (3-5-2): Gabriel (28'pt Vigorito), Rispoli, Lucioni (42'pt. Majer), Rossettini, Dell'Orco, Donati, Deiola, Tachtsidis, Mancosu, Lapadula, Babacar. A disposizione: Chironi, Vigorito, Meccariello, Colella, Rimoli, Vera, Majer, Shakhov, Falco. All. Liverani

Arbitro: Abisso di Palermo, assistenti: Paganessi e Affatato, IV uomo: Ros; VAR: Chiffi - Tolfo

Marcatori: 19' Dawidowicz, 34' Pessina, 87' Pazzini

 

Note – ammoniti: Tachtsidis, Faraoni, Dell'Orco, Amrabat, - espulso: Dell'Orco

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
23/02/2020
 Il tecnico sottolinea i difetti della squadra nella sfida odierna: “Salvezza? ...
Calcio
23/02/2020
Non finisce bene per il Lecce la trasferta all’Olimpico: quattro sberle contro la ...
Calcio
23/02/2020
Fonseca conferma Peres, Liverani punta su Mancosu. Tutto pronto a Roma per la sfida ...
Calcio
23/02/2020
Arriva anche il commento della società salentina ...
Mascherine consigliate ai medici del pronto soccorso leccese anche nei casi asintomatici. Dubbi sulla trasmissione ...
clicca qui