Infermieri precari, appello per la stabilizzazione: "Rispetto e giustizia per lavoro e diritti"

sabato 25 gennaio 2020

Il movimento degli infermieri precari torna a chiedere chiarezza alla Regione Puglia sui processi di stabilizzazione del personale che ne ha diritto e lancia un appello-ultimatum ai vertici regionali.

Gli infermieri precari pugliesi si mobilitano per chiedere la stabilizzazione del personale avente diritto nelle varie Asl del territorio regionale. Per dare forma e sostanza alle proprie richieste, il Movimento degli infermieri precari pugliesi si rivolge ai vertici regionali, a partire dal governatore Michele Emiliano, con una lettera in cui rivendicano le proprie ragioni.

In particolare, vista l’approvazione e l’entrata in vigore della Legge di Bilancio 2020, che estende il termine previsto dai commi 1 e 2 dell’articolo 20 del D.Lgs. Madia (D.lgs- 75/2017), introducendo il comma 11 bis all’articolo e spostando al 31/12/2019 il termine per acquisizione dei requisiti utili alle procedure speciali finalizzate al superamento del precariato, il MIPP (Movimento Infermieri Precari Puglia) chiede, a nome di tutti i lavoratori precari delle Asl pugliesi aventi diritto, “l’immediata applicazione della suddetta legge – come precisano – e, quindi, l’avvio nel più breve tempo possibile delle procedure di stabilizzazione”.

Gli infermieri precari ricordano che, sempre per norme legislative, è opportuno che la stabilizzazione avvenga prima dell’espletamento del concorso, “in quanto – affermano - si tratta di una procedura straordinaria, quindi avente priorità rispetto a qualsiasi altra forma concorsuale”. E ancora “con il decreto concretezza non vi è più alcuna imposizione legislativa che obblighi a dover avviare procedure di mobilità prima dell’espletamento di un concorso ma diventa una procedura facoltativa a ‘discrezione dell’azienda’. La procedura di stabilizzazione – proseguono - è una legge rivolta a quei lavoratori che hanno superato una selezione pubblica, (sia essa per titoli, titoli ed esami o colloquio), nonché diversi anni di prove e lavoro precario nella P.A., il cui obiettivo è il superamento del precariato (norma sancita dalla Comunità Europea), non disperdendone le professionalità acquisite, garantendo al contempo i livelli essenziali di assistenza su tutto il territorio regionale”.

“Auspichiamo – sottolineano - un repentino intervento della Regione Puglia nelle vesti del Presidente Emiliano e del Direttore del Dipartimento Promozione della Salute Montanaro. Venga messa alla luce, una volta per tutte, la verità e la giustizia legale di ogni procedura. Come ribadito più volte dal nostro movimento M.I.P.P., la sanità pugliese ha bisogno di tutti noi: precari, mobilità e nuove assunzioni per concorso”.

“Sta ora alla Regione – concludono - mettere in atto tutte queste procedure garantendo il diritto di tutti ad un lavoro. Sicuri di un riscontro positivo, auguriamo buon lavoro, caso contrario saremo costretti a rivolgerci alle sedi di competenza, al fine di garantire un nostro diritto”.

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
23/02/2020
Taglio del nastro questa mattina in piazza Ludovico ...
Economia e lavoro
22/02/2020
Dichiarato lo stato di agitazione da parte del sindacato ...
Economia e lavoro
20/02/2020
Davanti al prefetto arrivano rassicurazioni sul futuro: i ...
Economia e lavoro
18/02/2020
La protesta indetta da Fim Cisl e Fiom Cgil ha registrato un’adesione altissima: il ...
Mascherine consigliate ai medici del pronto soccorso leccese anche nei casi asintomatici. Dubbi sulla trasmissione ...
clicca qui